The news is by your side.

REPORTER DELLA TUA CITTA’ – Commissione invalidi civili, ancora disagi per recarsi a visita!

13

 

Egregi signori, sono un semplice cittadino viestano che da qualche anno a questa parte sta vivendo una realtà alquanto strana.  Un paio di settimane fa ho accompagnato un parente a Rodi Garganico, presso la Commissione Invalidi Civili, il quale doveva essere sottoposto a visita collegiale per il riconoscimento di invalidità.

Fortunatamente per lui, tutto andò bene, diversamente sarebbe dovuto ritornare a presentarsi presso la suddetta Commissione, per la seconda volta, affrontando altri disagi e sofferenze che solo chi vive determinate situazioni può capire.
In esordio, ho parlato di una realtà che vivo da un paio di anni a questa parte perché prima di allora i cittadini che facevano richiesta di riconoscimento di invalidità civile venivano sottoposti a visita medica presso una struttura in ambito locale, assicurando così ai cittadini un servizio rapido e tranquillo. Rapido, perché la visita durava e dura tutt’ora pochi minuti; tranquilla, perché gli interessati non avevano la necessità di trovare mezzi e persone disposte a mettere da parte i loro interessi per accompagnarli a visita. Ora, invece, per fare ciò che prima si faceva in pochi minuti, ci vogliono almeno quattro o cinque ore, più un viaggio in auto, andata e ritorno, di oltre 80 km,difficile e pericoloso da percorre, perché si srotolano tutti in curve e controcurve, salite e discese, tornanti al buio e chi più ne ha più ne metta.
Petanto, se un povero cristo, oltre a tutti i malanni che si porta appresso, dovesse avere anche la sfortuna di soffrire di mal d’auto, un semplice trasferimento testè citato, potrebbe rivelarsi un vero e proprio incubo. E tutto questo succede perché… Perché gatta ci cova! Infatti, stanco di essere coinvolto, mio malgrado, in questi piccoli pellegrinaggi, non ho disdegnato di parlare con tizio, caio e sempronio, per capire come sia stato possibile che si venisse a creare una situazione così penosa.
In poche parole, per evitare di dilungarmi ancor più di quanto non abbia fatto finora, sembra che la Commissione che si riunisce in quel di Rodi Garganico, non voglia venire a Vieste per l’espletamento delle sue funzioni, perché a qualche membro facentene parte non piaccia viaggiare. Capito? Un membro bello, sano e vigoroso e ben remunerato non può viaggiare, mentre invece tanti poveri vecchi, malati e con un piede nella fossa possono fare i salti mortali!
Egregi signori, ma, secondo voi, può mai stare in piedi una cosa del genere?  Non sarebbe il caso di mettere il naso in questa questione e se veramente risultasse veritiera questa "voce di popolo", prendere delle opportune misure, affinchè la giustizia prevalga sempre e comunque?
Prima si scrivere queste due righe, ero intenzionato a rivolgermi alla famosa trasmissione televisiva di Canale 5 "Striscia la notizia", ma avendo fiducia in LL.SS., ho deciso di segnare il passo e rimanere in attesa di Vostre iniziative di grande visibilità. Mi raccomando a Voi, non tanto me, ma non deludere tutti questi cittadini che si trovano in stato di bisogno e che non sanno a quale santo votarsi.
Con questa, colgo l’occasione per porgerVi distinti saluti.
Viestano Nandino

P.S. Per il momento, preferisco firmarmi con un sinonimo, perchè conoscendo la viscidità di alcuni personaggi, nonché la loro grande forza vendicativa, evito così prevedibili ritorsioni.


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright