The news is by your side.

Edilizia/ E’ profondo rosso

15

Dagli stati generali delle costruzioni alla giunta: “Ora procedure più snelle”.

 

 Se le previsioni saranno confermate, a fine 2012 il settore delle ‘costruzioni dovrà fare i conti con 5 anni di grave crisi, Non si registrano ancora concreti segnali di ripresa: se il 201O, terzo anno consecutivo di contrazione del valore della produzione calata tra il 2007 e il 2010 del 21 %, si è chiuso con una riduzione degli investimenti in costruzioni del 6,4% e nel 2011 si è stimata una flessione degli investimenti di un ulteriore 4%, anche per il 2012 si prospetta un altro calo del 3,2%, Sono questi alcuni dei dati nell’incontro dei vertici dell’amministrazione regionale con gli Stati Generali delle costruzioni in Puglia per fare il punto della situazione sullo stato dei finanziamenti, sulle opportunità disponibili e gli interventi utili per contenere la portata di questa crisi. All’incontro hanno preso parte il presidente della Regione Puglia Nichi Vendola, gli assessori Fabiano Amati, Angela Barbarrente, Loredana Capone, Michele Pelillo e Lorenzo Nicastro. Gli Stati generali delle costruzioni hanno visto la partecipazione delle organizzazioni pugliesi di Ance, ANIEM – Confapi, CNA, Confartigianato, LEGACOOP, ClAAI e delle organizzazioni sindacali del settore. Numerose le proposte degli Stati Generali delle costruzioni per assicurare un futuro a un settore che contribuisce al Pil regionale per circa il 10% e garantendo lavoro a 112 mila persone. Gli Stati Generali esprimono soddisfazione per l’incontro e per l’impegno assunto dalla Regione ad intervenire rapidamente in diversi ambiti; in particolare la Regione ha chiesto un’azione comune in merito alla delibera CIPE inerente 4 miliardi di euro relativi al piano Sud e 1,8 miliardi di euro di fondi FAS già deliberati dal CIPE tra agosto 2011 e gennaio 2012 ma oggi non ancora disponibili per la spesa. Alla richiesta degli Stati Generali di immediati interventi di semplificazione dei procedimenti autorizzativi la Regione si è impegnata ad attivarsi per rendere più efficaci e snelle le normative.


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright