The news is by your side.

Eccellenza – Atletico Vieste ultimo dopo la sconfitta dal San Paolo Bari

15

L’Atletico Vieste torna dalla trasferta sul campo del San Paolo Bari incamerando la sconfitta numero 13 di questo campionato e l’impietoso ultimo posto in classifica. Ma come spesso è capitato in questa stagione, Pino Giusto e compagni sono usciti tra i complimenti degli avversari.

Se è vero che spesso le partite vengono decise da episodi, la gara odierna è stata caratterizzata da quanto avvenuto dopo soli sei minuti di gioco, quando Prest avrebbe colpito con una gomitata un avversario a palla lontana. Il direttore di gara, il sig. Diego Di Tondo di Barletta, senza esitazione estraeva il cartellino rosso mandando negli spogliatoi l’attaccante argentino. Il tutto mentre i padroni di casa erano già in vantaggio: al quarto un malinteso in area tra Mascilongo e Sollitto permetteva al giovane Millone di soffiare il pallone e di insaccare il rientrante Bua dopo averlo ingannato con una finta.

Sotto di un gol ed in inferiorità numerica, l’Atletico faticava ad organizzare la tattica difensiva tanto da rischiare di subire il raddoppio all’undicesimo quando Serafino entrava in area da sinistra e concludeva contro il primo palo.

Col passare del tempo, però, mister Giusto riusciva a trovare gli equilibri nella sua formazione, giocando alla pari contro i padroni di casa, reduci da 5 vittorie e un pareggio nelle ultime sei partite (come la capolista Monopoli). La prima occasione per i garganici giungeva al 23mo: corner dalla sinistra di Principi (il migliore tra i suoi), sponda di Montechiari sul secondo palo per Camasta che sparava alto dall’interno dell’area piccola.

Qualche minuto più tardi era ancora protagonista l’argentino Principi che incornava un cross dalla destra ma senza angolare, tanto che la sfera finiva tra le braccia di Di Candia piazzato centralmente.

Il gol del momentaneo pareggio viestano giungeva al 31mo: cross dalla destra di Favulli che pescava in area Montechiari bravo a girare in semirovesciata sotto l’incrocio dei pali lontano. Un gol di rara bellezza per l’attaccante viestano, il primo da quando è sul Gargano.

Portieri pressoché inoperosi per gran parte della ripresa, col Vieste che ci provava con Colella dalla lunga distanza, con De Vita in area e con Recchia dal limite, tutte conclusioni uscite fuori di poco.

Riuscire a tenere il campo giocando sin dall’inizio in inferiorità numerica è difficile per chiunque, soprattutto se di fronte si ha una squadra ben organizzata come il San Paolo Bari che faceva spesso ricorso ai cambi di fascia per spostare (e stancare) la formazione avversaria.

Quando in tanti pensavano che la gara si avviava verso un pari, giungeva al 31mo l’ennesimo episodio negativo in casa Atletico Vieste: Colella perdeva palla al limite dell’area (chiedendo inutilmente il fallo) sulla pressione di Giardino che serviva in area l’indisturbato Milloni, bravo nel trafiggere Bua insaccando di precisione sul lato lontano. Doppietta personale per il ragazzino classe ’94 che potrebbe voler dire permanenza in Eccellenza per il suo club.

Stremati e moralmente scarichi, i viestani prendevano il terzo gol nel corso del primo minuto di recupero: Petruzzella, il giocatore più atteso ma che è stato quasi totalmente annullato dalla difesa avversaria, scendeva palla al piede sulla destra per poi crossare per l’accorrente Messina; il giocatore subentrato a Milloni pochi minuti prima colpiva male la palla trasformando un tiro in porta in un assist per lo stesso Petruzzella, bravo a seguire l’azione e ad insaccare da pochi passi. Il 3-1 finale premia i padroni di casa ma punisce oltre misura gli ospiti che per quanto hanno fatto vedere in 10 contro 11 per tutta la partita non meritavano i due gol di scarto.

Con questo successo, il San Paolo Bari porta a 7 il numero di partite utili consecutive, in cui ha totalizzato 19 punti (su 25 complessivi), e soprattutto riesce ad uscire dalla zona play-out, con tre lunghezze di distacco sulle immediate inseguitrici.

Si complicano, invece, le cose per l’Atletico Vieste, lasciato solo in fondo alla graduatoria a seguito del successo del Locorotondo sul campo del Tricase. I playout distano solo 3 punti ma per poterli acciuffare c’è bisogno di maggior cinismo sotto porta e meno episodi negativi in difesa. E tanta calma.

Sandro Siena

 


San Paolo Bari – Atletico Vieste 3-1

San Paolo Bari: De Candia, Didonna, Serafino (2st Turitto), Grandolfo (30st Asselti), Cantalice, Pazienza, Giardino, Terrevoli, Petruzzella, Balzano, Milloni (37st Milloni). A disposizione Salvatore, Casalino, Cesario, Di Noia. Allenatore Vito Sgobba

Atletico Vieste: Bua, Favulli, Sollitto, Granatiero (30st Pasquariello), Camasta, Mascilongo (40st Corbo), Montechiari (12st Recchia), Principi, Prest, Colella, De Vita. A disposizione Brunetti, Silvestri, Sorrentino, Sicuro. Allenatore Pino Giusto

Arbitro Diego Di Tondo di Barletta, assistenti Michele Cicolella e Luca Lucanie di Molfetta

Reti: 4pt Milloni (SP), 31pt Montechiari (AV), 31st Milloni (SP), 45st Petruzzella (SP)

Ammoniti: Montechiari, Sollitto, Granatiero, Favulli, Principi (AV), Petruzzella, Giardino (SP)


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright