The news is by your side.

La Regione dopo le masserie didattiche promuove anche i boschi didattici

11

Approvato in giunta lo schema dei disegni di legge.

 

 La Giunta ha approvato lo schema di disegni di legge sui "Boschi didattici della Puglia". La legge sarà finalizzata alla valorizzazione del bosco quale elemento fondamentale per lo sviluppo socioeconomico sostenibile e per la salvaguardia ambientale del territorio regionale, nelle diverse funzione declinate dal bosco. Relativamente alla funzione ricreativa e culturale del bosco, si vuole divulgare il bagaglio di conoscenze, esperienze, tradizioni e cultura legate al bosco e poco conosciute soprattutto dalle giovani generazioni o nello stesso tempo, interessare il mondo adulto, contraddistinto da uno stile di vita sempre più lontano dal contatto diretto con la natura. Obiettivo è valorizzare le figure agro-forestali operanti sul territorio e incentivare forme di reddito aggiuntive alle produzioni forestali. E’ previsto il piano delle attività, articolato attraverso un progetto didattico divulgativo, che si concretizza in un percorso-natura, con attività di promozione e utilizzo di risorse umane impegnate nella didattica. La legge mira a completare il processo di divulgazione e conoscenza delle emergenze culturali e ambientali da parte dell’Area Politiche dello Sviluppo Rurale, iniziato con le Masserie didattiche, già visitate da migliaia di ragazzi delle scuole e presentate alle fiere internazionali come buone pratiche della Regione. "Estendiamo proprio 1’esperienza molto positiva delle masserie didattiche – spiega l’assessore alle Risorse Agroalimentari, Dario Stefàno – ad un’altra componente importante della nostra storia ambientale: i boschi. L’obiettivo è di trasferire alle giovani generazioni la storia degli antichi mestieri e delle sapienze che nei secoli hanno curato i boschi, tutelando l’ambiente e traendone fonti di sostentamento".


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright