The news is by your side.

Posti letto, piscine e 18 buche tra Foggia, Manfredonia e Vieste

9

Il golf in provincia di Foggia.

 

 Un progetto che vuole portare in Capitanata lo sport di Tiger Woods grazie a una serie di strutture ad hoc sparse tra capoluogo dauno e Gargano. Si andrà in buca grazie a impegno e sagacia di alcuni imprenditori locali. La Giunta regionale aveva ammesso il Consorzio Gargano Golf alla fase di presentazione del progetto definitivo riguardante investimenti ammissibili per complessivi 12.046.300 euro con agevolazione massima concedibile pari a 5.420.835 euro. Soggetti protagonisti la Califano srl che ha in gestione il Regio Hotel Manfredi di Manfredonia, il Camping Vìllage Baia degli Aranci srl, Gattarella spa e Immobiliare Nunzio Caccavo srl. Il progetto prosegue ma a rilento. "Costruire un campo da golf è come fare un palazzetto da 20 posti o 300 appartamenti. In Spagna la procedura è molto più semplificata", ci spiega Caccavo. Insomma, l’iniziativa deve fare i conti con la burocrazia ma qualche spiraglio si sta aprendo. "Ho trovato disponibilità dal Comune di Foggia e giovedì prossimo sarà firmata la convenzione urbanistica. Poi via ai progetti definitivi e ai lavori. Si spera di avviare tutto in estate". A favorire le cose potrebbe esserci anche Damiano Gelsomino, titolare del Regio Hotel Manfredi e nuovo presidente di Confcommercio. Tutto pare girare a favore del Consorzio Gargano Golf che s’è costituito ufficialmente con la presidenza assegnata a Francesca Iezzo di Baia degli Aranci. Il progetto prevede tre campi pratica sullo sperone d’Italia più un altro nel capoluogo, in zona Borgo Segezia (nei pressi del Salice). Quest’ultimo, che sorgerà appunto sui terreni di Caccavo, rappresenterà la struttura principale dell’intero Progetto. Quella del Salice sarà un’ ampia distesa verde che potrà dare lavoro a 20 persone. L’intento è rilanciare turisticamente tutta la provincia. Questo grazie non solo al golf ma alle strutture alberghiere che sorgeranno con esso. A Foggia si avrà un campo da 18 buche. "Spero-aggiunge Caccavo -, che questo, assieme agli altri tre che sorgeranno tra Manfredonia e il Gargano, siano solo i primi di una lunga serie. Quelli che andremo a fare non bastano per vedere i turisti anche l’Inverno (a golf si può giocare fino a 2 gradi sopra lo zero, ndr). L’auspicio è che altri imprenditori locali facciano lo stesso, installando strutture simili anche sul Subappennino Dauno". Ma nel progetto di Caccavo, non solo golf. Alle 18 buche in località Salice verranno annesse club house, foresteria e ristorante. Sulla stessa linea d’ onda l’amico Gino Notarangelo de La Gattarella di Vieste, anche lui appassionato di golf. "Non potevamo farci scappare l’occasione di dotare la provincia di una struttura del genere, un campo sarà presente anche all’interno de La Gattarella con lancio palline biodegradabili a mare". A questo si aggiungeranno caffetteria, piscina, servizi in spiaggia e di reception, centro commerciale, congressuale e servizi ricreativi. "II Consorzio servirà a far interagire le tre strutture principali (i campi da golf), sperando che in futuro altri carnpi possano essere inaugurati nella nostra provincia. A questo settore mi sto appassionando. Avevo in mente già in passato di utilizzare i miei terreni per qualcosa del genere. Poi è arrivata la proposta di Caccavo e non ho esitato a sposarla. Lo stesso hanno fatto anche i miei colleghi del Consorzio". Detto del campo a Borgo Segezia di Caccavo e di quello nei terreni de La Gattarella, veniamo al Regio Hotel Manfredi di Damiano Gelsomino. Nel programma di investimenti è previsto anche l’ammodernamento dello stesso Regio Hotel. Inoltre saranno realizzati ulteriori 60 posti letto in strutture distaccate dal corpo alberghiero. L’intervento prevede anche la realizzazione di servizi definiti "funzionali" come il campo da calcio a 7, calcio a 5, ristorante e campo pratica da golf. Costo complessivo previsto dal programma di investimenti, così come dettagliato nel progetto di massima è di 2.975.000 euro e le agevolazioni richieste relativamente alla realizzazione del programma di investimenti sono pari a 1.338.750 euro. Anche Baia degli Aranci provvederà all’ammodernamento delle strutture viestane, al lungomare Europa. L’intervento prevede anche un garage interrato, piscina coperta, centro benessere e realizzazione di un "percorso vita" su suolo in corso di acquisizione. Costo complessivo 1.171.660 euro con agevolazioni richieste relativamente alla realizzazione del programma di investimenti sono pari a 527.220 euro. Questi imprenditori mirano al "miglioramento competitivo del sistema turistico". Il progetto di Caccavo, Gattarella, Baia deglì Aranci e Califano rientra negli "Aiuti alle medie imprese e ai consorzi di Pmi per programmi integrati – di investimento – Pia Turismo", disposti dalla Regione Puglia. Il programma di investimenti proposto prevede interventi in capo al costituendo Consorzio ed in capo alle singole imprese consorziande e consiste nella realizzazione di un campo da golf da 18 buche, nell’ampliamento e ammodernamento di strutture ricettive esistenti e nella realizzazione di servizi funzionali riferiti a ciascuna struttura turistico ricettiva oggetto di intervento nell’ambito dell’istanza di accesso avanzata. Il Costituendo Consorzio intende realizzare investimenti per acquisizione di servizi di consulenza nell’ambito dell’intervento "miglioramento competitivo del sistema turistico". Detti interventi riguardano riorganizzazione a livello aggregato di servizi di gestione delle attività turistiche", la "promozione e commercializzazione dell’offerta turistica sui mercati nazionali ed esteri" e la "partecipazione a fiere " . E allora, si va in buca.

Francesco Pesante
L’Attacco


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright