The news is by your side.

Calcio prima Categoria/ Il Gargano Calcio fa la voce grossa

13

Letteraccia al presidente della Figc Puglia. Chieste più equità ed equilibrio.

 

Alza la voce il Gargano calcio, che milita nel campionato di «Prima categoria», dopo le ultime direzioni arbitrali. Una lettera è stata inviata al presidente della Figc . Puglia Vito Tisci. «La mia non vuole essere una richiesta di tutela perché siamo stati -danneggiati dagli ultimi due arbitraggi – scrive Triggiani – ma una richiesta per evitare che personaggi come gli ultimi direttori di gara ed in particolare il signor Cirpolla di Bari possano rovinare il mondo dello sport e del calcio in particolare che, a livello dilettantistico, è e deve rimanere una sana passione. Siamo una società sportiva che, con dedizione quotidiana e con sforzi economici non indifferenti, mira a garantire all’altrettanto territorio che rappresenta, l’esistenza di una squadra di calcio dignitosa, disciplinata (infatti siamo primi nella classifica di Coppa Disciplina), in grado di dare soddisfazioni, ma soprattutto, in grado di far divertire i nostri tesserati ed i nostri tifosi. Proprio di questo ci "lamentiamo" – scrivono dalla società garganica -. Domenica scorsa, mi sia consentito di dire, non per colpa nostra, non si è divertito nessuno; non noi, non i nostri tifosi, ma, e lo abbiamo capito, neanche i nostri avversari. Sia chiaro, non pretendiamo che gli arbitri siano infallibili e ringraziamo anzi chi ce li mette a disposizione, e capiamo anche le difficoltà e i problemi che spesso tanti giovani arbitri devono affrontare e faccio riferimento all’articolo apparso sul sito arbitri.com condividendone in pieno le loro problematiche e trovandomi anche d’accordo sull’istituzione de1 fondo arbitrale, anche se poi c è da chiedersi chi risarcisce le società dai torti subiti dagli arbitri stessi. Con l’educazione e il fair play che ci ha contraddistinto finora e sempre lo farà, vogliamo rivolgere tutta la nostra amarezza per gli eventi menzionati nella speranza di una più attenta gestione dell’amministrazione sportiva ed arbitrale e della tutela dei più alti valori dello sport»,

Antonio Villani


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright