The news is by your side.

Comunali 2012/ A Vico il ritorno del vecchio saggio

6

Amicarelli, cinque anni dopo: “ripartiamo dal rilancio del centro storico”.

 

 Pierino Amicarelli eletto sindaco di Vico del Gargano. Torna a Palazzo di città a distanza di cinque anni. Con la sua lista "Vico c’è" ha ottenuto, indiscutibilmente, un significativo suffragio elettorale. Candidatura sostenuta da Pdl e Udc, Amicarelli ha condotto la sua campagna elettorale puntando su obiettivi di "crescita e contenimento della spesa corrente per non gravare – ha spiegato – i cittadini di ulteriori aumenti della pressione fiscale attraverso la riduzione delle indennità degli amministratori ‘la gestione di alcuni servizi con la unione dei Comuni del Gargano nord". Un cammino, il suo, interrotto quando mancava una manciata di mesi alla conclusione del suo mandato elettorale, che oggi riprende al fine – il suo impegno – di dare a Vico del Gargano la svolta in termini di sviluppo e occupazione, in particolare pensando al futuro delle giovani generazioni. Le priorità. Puntare su investimenti per opere infrastrutturalì in San Menaio con la realizzazione di parcheggi e un lungomare attraverso la partecipazione ai bandi nazionali e regionali (pon e Por) e una necessaria e ragionevole intesa con le Ferrovie del Gargano per un adeguato e produttivo utilizzo della tratta Rodi Garganico- Calenella finalizzato a liberare il nostro territorio dalla cintura di fero che ne impedisce il moderno e pieno sviluppo’. Amicarelli l’aveva detto in campagna elettorale e conferma il suo impegno nel creare le condizioni per ridisegnare – dice – il nostro centro storico e riqualificare tutto il territorio. Il pensiero torna alla figura di Gae Aulenti per dare qualità al centro storico. La stessa candidatura di Francesco DelliMuti esce da questa tornata elettorale ridimensionata. La quarta lista, di Nino Gervasio non ha convinto più di tanto.

Francesco Mastropaolo


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright