The news is by your side.

Comunali 2012/ Carpino, Manzo succede a se stesso

12

Il sindaco uscente ha battuto lo sfidante del PD, l’urologo foggiano Rocco Di Brina sostenuto dal PD. “Torneremo a puntare sul valore delle nostre produzioni”.

 

 Rocco Manzo succede a se stesso. Primo cittadino di Carpino, Manzo ha confermato il trend positivo che, già alla vigilia elettorale, lo davano favorito nel confronto con l’altro candidato, Rocco Di Brina. Una candidatura sostenuta dal Popolo della libertà, ma anche dalla cosiddetta "società civile". Un confronto a due con Rocco Di Brina, esponente di spessore del partito democratico che, però, non ha, evidentemente, convinto l’elettorato con la sua proposta elettorale. "Una comunità che – spiega Manzo – da anni ha puntato tutta la sua economia sulla produzione dell’olio d’oliva, la risorsa vera per una comunità che custodisce ancora quei valori di una civiltà contadina che qui sembra essersi cristallizzata nei suoi elementi più signifìcativi. Su questa strada – aggiunge – continuerà la nostra azione amministrativa, perchè è proprio sull’agricoltura che punteremo aprendo la nostra produzione ad altri mercati, appunto, promuovendo un mercato dell’olio, e non solo, che possa fare di questa parte del Gargano un punto di riferimento per le eccellenze che, indiscutibilmente, abbiamo". Manzo, in pratica, conferma quelle che sono state le sue proposte elettorali, cioè, dare continuità al percorso politico-amministrativo». E’ fuori dubbio che una comunità come quella di Carpino, con le sue eccellenze agricole, una produzione olivicola tra le più significative del Gargano; una commercializzazione dell’olio che significa reddito per la popolazione, non può non guardare al futuro con ottimismo.

Francesco Mastropaolo


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright