The news is by your side.

Switch-off/ Si discute oggi al Tar il ricorso sulla tv digitale

9

Per le trasmissioni in Capitanata si teme uno stop di quattro mesi.

 

 il Tribunale amministrativo regionale del Lazio ha anticipato a oggi (era prevista il 23 maggio) la discussione nel merito del ricorso presentato da Canale 21 che ha chiesto una sospensiva delle trasmissioni per la tv digitale in Capitanata dove la tv campana possiede una frequenza. il passaggio dal segnale analogico al digitale (in gergo switch-off) nella nostra provincia resta fissato al 18 maggio, ma se il ricorso contro il ministero per lo Sviluppo economico (che si è già opposto) venisse accolto, i tempi per l’inizio delle trasmissioni potrebbero slittare di qualche mese. E’ proprio quello che chiede Canale 21: più tempo per attuare normative attualmente troppo stringenti. La graduatoria per le assegnazioni delle frequenze in Puglia dovrebbe essere pubblicata il 15 maggio, le piccole emittenti private locali sono attualmente in mezzo al guado: chi non riuscirà a entrare nella graduatoria principale come «operatore di rete», per mantenere acceso il segnale dovrà riciclarsi come «operatore di contenuti» ed essere veicolato su un’altra frequenza. «Ma questa procedura non si fa in due giorni – afferma l’associazione delle imprese radiotelevisive Aeranti-Corallo che sostiene il ricorso di Canale 21 – bisogna stipulare il contratto e farsi tecnicamente veicolare su un’altra frequenza: non meno di 45 giorni».


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright