The news is by your side.

Vieste/Si lascia deperire il trabucco di Punta Santa Croce eppure ci sono i soldi per il restauro(2)

8

Le precisazioni del comandante del Circomare di Vieste Fausto Schirone – riceviamo e pubblichiamo –

 

 In merito a quanto si rappresenta nella lettera in riferimento, ci si rammarica di dover prendere atto che la SV ha voluto denunciare, peraltro in maniera tanto eclatante, un’inerzia d’operato che, almeno per quanto di competenza, appare del tutto infondata. Corre, pertanto, l’obbligo di farle notare che, pur essendo il trabucco in questione già quasi completamente ricompreso nell’area interdetta alla navigazione dall’ordinanza n.38/09 cui si fa riferimento, questo Comando,
proprio in conseguenza del sinistro occorso in data 25/06/2011 e preso atto della difficoltà di sistemare in tempi brevi le strutture pericolanti, riteneva opportuno circostanziare maggiormente le prescrizioni per la salvaguardia della pubblica incolumità e la sicurezza della navigazione, anche al fine di scongiurare la possibilità del verificarsi di incidenti a danno di persone e/o cose e redigeva e pubblicava, in data 15/11/2011 un’ordinanza ad hoc, la n.59/11, con la quale s’interdiceva lo specchio acqueo circostante il Trabucco di Santa Croce con un’estensione di 50 metri, con decorenza immediata. È palese, quindi, alla luce di quanto sopra, che le problematiche evidenziate, appaiono in parte ingiustificate, anche nella considerazione, del fatto che la stessa Autorità ha competenze istituzionali circostanziate alla sicurezza della navigazione e non certo alla circolazione in ambito stradale o di pubblica sicurezza. Nel rimanere a disposizione per. qualsivoglia chiarimento dovesse rendersi necessario, si resta in attesa di conoscere gli sviluppi della questione.-

Ufficio Circondariale Marittimo di Vieste
Il Comandante
T.V. (CP) Fausto Schirone


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright