The news is by your side.

Vaucher/ Confagricoltura auspica soluzione equilibrata

13

Su richiesta di Confagricoltura, il Ministro delle politiche agricole, Mario Catania, ha convocato le Parti datoriali e sindacali agricole per tentare di trovare una possibile soluzione alla questione del lavoro occasionale di tipo accessorio (voucher). La riunione – che è iniziata nel pomeriggio di giovedì e si è conclusa ieri mattina – non ha portato ad una soluzione condivisa. La delicata questione, come noto, trae origine dal disegno di legge Fornero di riforma del mercato del lavoro, che ha esteso la possibilità di rendere prestazioni occasionali accessorie in agricoltura a tutte le categorie di soggetti e non più soltanto a studenti, pensionati e casalinghe (come prevede la legislazione vigente).

A seguito di tale proposta di modifica, i sindacati dei lavoratori agricoli hanno promosso una serie di iniziative ed agitazioni che ha portato, in sede di esame parlamentare, alla presentazione di un emendamento al disegno di legge Fornero da parte dei relatori (senatori Castro e Treu), finalizzato ad escludere la possibilità di utilizzare il voucher per le imprese agricole con volume d’affari superiore ai 7.000 euro annui.

Di qui la nostra richiesta di intervento al Ministro Catania, affinchè si addivenga ad una soluzione equilibrata che confermi sostanzialmente le disposizioni attualmente in vigore, anche in considerazione del fatto che sino ad ora, come dimostrano i dati INPS sul numero di giornate di lavoro denunciate, l’utilizzo dei voucher non ha comportato una destrutturazione dei rapporti di lavoro subordinato in agricoltura.

Ed infatti dal 2008 (anno di introduzione dei voucher) al 2011, i datori di lavoro agricolo che hanno utilizzato i voucher sono stati solo il 3,5% del totale, mentre i prestatori di lavoro occasionale in precedenza occupati come operai agricoli sono stati solo 7.000 su oltre 1 milione di lavoratori totali.

Come noto, Confagricoltura ha sempre mantenuto una posizione responsabile ed equilibrata nei confronti del lavoro occasionale accessorio, nella convinzione che esso possa rappresentare uno strumento utile per far fronte, in alcune ipotesi, a situazioni che non rientrano negli schemi tipici del lavoro dipendente, bensì di quello occasionale.

Coerentemente con tale posizione, Confagricoltura adotterà tutte le iniziative necessarie affinchè le imprese agricole con volume d’affari sopra i 7.000 euro possano continuare ad utilizzare i voucher secondo la normativa vigente.


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright