The news is by your side.

Capitanata/ Comunali 2012: Pd evita tracollo, Pdl tiene

13

Paolo Campo "ritira" le dimissioni (solo paventate) ed avvia la resa dei conti interna. Crolla l’affluenza alle urne.

 

  Tira un sospiro di sollievo il Partito Democratico: un eventuale ribaltone (finiano) nel comune dell’Alto tavoliere avrebbe certamente rappresentato il colpo finale per un partito che da queste urne esce tramortito. Uscente in 7 comuni, ne conquista soli 5 rimediando sconfitte clamorose. 7 centri, invece, vanno al centrodestra, che riesce a “tenere” rispetto al livello nazionale (dove Pdl e Lega sprofondano) ma che dovrà quanto prima trovar soluzione a governi cittadini instabili e rissosi, costantemente ad un passo dalla caduta. Si tiene a galla l’Udc; fa passi in avanti il Fli (anche se ancora irrisori per determinare equilibri politici di respiro provinciale). Il resto del gioco lo fanno le civiche. Nessuno exploit grillino, a conferma che in Capitanata il vento dell’antipolitica ha soffiato poco. Ed è un bene, che i partiti ora dovranno dimostrare di saper utilizzare. A maggiore ragione oggi, che anche in Capitanata si sono ulteriormente ingrossate le fila del primo partito in Italia: quello dell’astensione.  
 
Tra i democrats, in particolare, la resa dei conti interna è già partita.  Perdono realtà importanti come Apricena, dove rimediano una vera e propria disfatta, ma anche a Vico del Gargano e a Monte S.Angelo, dove pagano troppe spaccature interne e la scelta, incomprensibile evidentemente all’elettorato, di appoggiare il sindaco uscente, fino a ieri osteggiato, come Andrea Ciliberti. Vincono, i democrats, quando allargano alla centro o si lanciano in commistioni (incestuose) che rasentano il clamoroso. Parlano chiaro l’esperienza di Torremaggiore, dove l’Udc si conferma ago della bilancia con quasi il 15% dei consensi ottenuti (ma anche qui il bottino, per il Pd in sé, è “magro” se è vero che per raggiungere l’intesa con i centristi si è dovuto cedere il candidato sindaco); di Rodi, dove si impone Nicola Pinto, sostenuto da una coalizione che da Sel porta al Fli (ex missini); di Orsara di Puglia, con una coalizione di centrosinistra leggermente “allargata” a destra (decisivi per Tommaso Lecce sarebbero stati, secondo i bene informati, i voti del senatore – PDL- Carmelo Morra). Questo è la fotografia restituita dalle urne, che fa della Capitanata quasi una sorta di “buco nero” per il partito di Bersani, che invece a livello nazionale tiene e si sbraccia per comunicarlo. Cosa succede, dunque, al Pd foggiano? Il rosario di sconfitte, dalle elezioni provinciali ad oggi, non si conta. I democrats hanno seguito l’esito del ballottaggio direttamente da via Taranto dove, in contemporanea allo spoglio, sono stati riuniti l’ufficio politico e la direzione provinciale. Rientrano le dimissioni, paventate “a caldo”, dal segretario provinciale Paolo Campo (che non ci sta a fungere da capro espiatorio di un risultato che ha certamente “responsabilità più diffuse, collettive”) e si avvia quel percorso che dovrebbe portare, nelle migliore intenzioni, ad una nuova stagione per il Pd, oggi troppo autorefenziale, rissoso e scollato da istituzioni e territorio. Come? Con la rivisitazione di tutti gli organismi dirigenti, cittadini e provinciali, sconfessati da questa tornata elettorale, e, subito dopo l’estate, una conferenza programmatica ed organizzativa.
 


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright