The news is by your side.

Manfredonia/ Conferenza dei servizi per la torre Enichem

13

Convocata dal Sindaco Riccardi dovrà pronunciarsi sui lavori di demolizione della torre di prilling ex Enichem. Chiamati a partecipare i responsabili di Syndial e di Mosmode ai quali è stato chiesto di presentare una serie di documenti. Si saprà oggi se potranno proseguire o meno i lavori di demolizione della torre di prilling dell’ex stabilimento Enichem. A deciderlo sarà la Conferenza dei servizi convocata dal Sindaco di Manfredonia, Angelo Riccardi, per esaminare la reale situazione in ordine alla presenza di arsenico riscontrata dalla centralina ARPA Puglia posta nei pressi dell’area industriale ex Enichem. Nei giorni corrispondenti alla esecuzione degli interventi per la demolizione della torre, l’ARPA ha diramato una nota in cui allertava il Dipartimento di Prevenzione ASL FG e il Sindaco di Monte Sant’Angelo competente per territorio, sollecitando gli "adempimenti di competenza". Il Sindaco di Manfredonia, al quale la nota dell’ARPA era stata trasmessa per conoscenza, al fine di assicurare la massima tutela della popolazione e dunque di fare completa chiarezza sui lavori in esecuzione nell’area ex Enichem, convocava una Conferenza dei servizi presieduta dal Sindaco Riccardi stesso che si è riunita in Municipio e della quale fanno parte la delegazione di ARPA Puglia guidata dal Direttore Scientifico Massimo Blonda, il Direttore di ARPA Foggia Giovanni Napolitano, il Dirigente del Dipartimento di Prevenzione ASL FG Franco Carella, il Direttore di SPSAL Antonio Nigri, la Provincia di Foggia con Giovanni D’Attoli, l’Assessore Mazzamurro del Comune di Monte Sant’Angelo, l’Assessore Raffaele D’Apolito del Comune di Mattinata. Nel corso della riunione sono stati esaminati i vari aspetti della questione dal punto di vista legale, tecnico, organizzativo. Una caterva di documenti in possesso dei vari Enti e tuttavia non esaustivi per una completa lettura delle procedure adottate nel caso specifico dell’abbattimento della torre. La Conferenza dei servizi ha pertanto deciso di richiedere "specifici chiarimenti e informazioni" alla ditta Mosmode incaricata dalla Syndial, titolare delle opere di bonifica nell’area ex Enichem di Macchia, indicando una serie di documenti che dovranno essere forniti alla Conferenza dei servizi nella riunione fissata per giovedì 31 maggio, alle ore 10, in Municipio. E’ stata altresì richiesta la presenza dei responsabili di Syndial e di Mosmode. La stessa Commissione si recherà sul luogo ove sorge la torre di prillig per un sopralluogo tecnico onde acquisire elementi utili al fine di decidere sul da farsi. "Le richieste della Conferenza dei servizi – ha spiegato il Sindaco Riccardi – scaturiscono dalla necessità di individuare la fonte della diffusione di quanto rilevato dalla centralina ARPA sita presso la contrada Ciuffreda nel Comune di Monte Sant’Angelo, atteso che nella stessa area non si conoscono potenziali altre fonti di contaminazioni da arsenico". Non è da escludere, anzi l’ipotesi è quanto mai verosimile, che i valori ritornino alla normalità una volta che sia stata adottata la metodologia giusta per abbattere la torre.

comunicato stampa


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright