The news is by your side.

Borsa Turismo/ Tra Educational e tour russi e indiani compresi

11

Dal 10 al 14 giugno con la regione. Falcone: “presenteremo al meglio il territorio”.

 

 Si apre anche ai comuni del­l’entroterra la quarta edizione della "Borsa del Turismo del Gargano" che quest’anno comprenderà anche il territo­rio di Monte Sant’Angelo. Si svolgerà dal 10 al14 giugno l’e­vento ideato e organizzato dal consorzio degli operatori turi­stici "Gargano Mare" e coin­volgerà 30 buyers stranieri, se­lezionati dalla società TTG Ita­lia SpA di Rimini, provenienti dai principali mercati europei. Tra le novità, oltre alla presen­za della città eletta patrimonio dell’Unesco, l’ingresso nel parterre degli operatori Ca maggioranza provenienti da Austria, Svizzera, Germania, Francia, Olanda, Norvegia, Po­lonia e Inghilterra), più nume­rosi rispetto allo scorso anno, di Russia e India. "La presenza di operatori russi è collegata ai voli charter Mosca-Bari, per cercare di intercettare i turisti che arrivano in Puglia, mentre la presenza dell’India mira a consolidare il successo del no­stro territorio conosciuto gra­zie al film indiano Housefull girato sulle nostre coste", ha spiegato il presidente del consorzio in occasione della conferenza stampa di presentazione che si è tenuta a Palazzo Dogana. Il partenariato quest’anno si allarga e oltre a coinvolgere i comuni di Vieste, Peschici, Rodi, Vico, Mattinata e Monte Sant’Angelo, si avvale del prezioso supporto dell’assessorato al Turismo della Regione Puglia. “Si voleva dare respiro più ampio alla manifestazione e quest’anno ci siamo avvalsi, col supporto della Regione – ha aggiunto Falcone – della collaborazione dell’agenzia Pugliapromozione. Con il direttore Piccirillo si è inteso lavorare sul piano della differenziazione del prodotto turistico. Abbiamo fatto in modo che gli operatori possano incontrare i buyer realmente interessati a determinare nicchie di mercato, al turismo naturalistico e archeologico, al turismo attivo”. Lo scopo è valorizzare e promuovere “quei prodotti in cui il mare non è il protagonista principale”. “Come consorzio Gargano Mare abbiamo adot­tato la sinergia come strategia operativa che investe anche Sponsor pubblico-privato. Ci sostengono le Ferrovie del Gar­gano, Aeroporti di Puglia. Sia­mo soddisfatti di essere riusciti a far confluire più forze verso il risultato. Nei periodo di crisi che si stanno attraversando, fare sistema aiuta". La Falcone ha condiviso il progetto della Btg, già dallo scorso anno, con gli altri consorzi turistici del promontorio."Cotug" e "Gar­gano Incoming, e per l’ edizio­ne 2012 è stato chiamato a par­tecipare alla rete anche il Gal Gargano, accanto, all’Ente Par­co. La forza dell’ evento dedica­to all’incontro tra la domanda internazionale e l’offerta turi­stica territoriale risiede pro­prio nella capacità di attivare sinergie. Tra gli attori del terri­torio, gli operatori economici, gli enti locali e gli enti sovra comunali, Regione e Provincia. Lo ha sottolineato il vicepresi­dente della Provincia di Foggia Billa Consiglio, evidenziando come l’evento abbia tutte le potenzialità per crescere an­che al di fuori dei confini garganici. "Abbiamo fatto una pri­ma presentazione della Borsa a Bari (lo scorso 31 maggio presso l’aeroporto "Karol Wojtyla", ndr), perché gli ope­ratori hanno tenuto a promuo­vere l’evento anche al di fuori dei confini provinciali", ha ri­cordato l’assessore provincia­le al Turismo. "Abbiamo ope­ratori turistici illuminati che hanno saputo cogliere l’im­portanza della cooperazione tra soggetti istituzionali e aper­ta anche ai privati, per lavorare insieme per il bene della Capi­tanata e del Gargano. Il Garga­no, per fortuna o per sfortuna, è stato scelto. Ecco perché non eravamo preparati ad affronta­re il turismo". Una "particolare verve" ha riconosciuto agli operatori garganici anche il sindaco di Mattinata Lucio Ro­berto Prencipe, intervenuto all’incontro assieme agli asses­sori al Turismo dei comuni coinvolti. "E’ evidente che è cambiata la logica. Si è passati dalla contingenza. alla programmazione e oggi si sta rive­dendo il settore nell’ ottica di una condivisione degli sforzi". Che "ciascuno deve fare la sua parte", ne è convinto anche Ni­cola Rosiello, assessore al Turi­smo di Vieste. "Credo che nes­sun ente territoriale si sia sot­tratto, segnale che il seme get­tato dal Consorzio – ha conti­nuato – oggi è stato riconosciu­to e apprezzato. Che i buyer vengano a casa nostra è una novità per gli operatori turisti­ci che hanno la possibilità di cogliere risultati concreti. L’e­stero mancava un po’ a questo territorio". "Senza ombra di dubbio il turismo è l’unico trampolino di lancio che ci è ri­masto’" ha aggiunto l’assesso­re al Turismo di Rodi, mentre per il suo omologo di Peschici, Vincenzo De Nittis, Occorre ancora lavorare per "facilitare l’arrivo dei turisti alle nostre bellezze e ai nostri luoghi di va­canza". Una preoccupazione che riguarda soprattutto gli ar­rivi degli stranieri, che dalle precedenti edizioni della Borsa del Turismo del Gargano se ne sono tornati a casa a bocca aperta". Con l’intento di stupire e fascinare ancor di più è stato allestito il programma del­l’edizione numero 4. I buyers conosceranno il territorio at­traverso degli appositi educa­tional tour (l’11 giugno a Monte Sant’Angelo, Vico e Rodi, il giorno successivo a Peschici, con tappa alle grotte marine di Vieste, e nella giornata conclu­siva a Mattinata, con l’escur­sione a Monte Saraceno) ed avranno la possibilità di incon­trare gli operatori turistici nel­l’ambito di un workshop che si terrà il 13 giugno a Vieste, presso il Castello Svevo. "Per poter vendere il prodotto Gargano gli operatori devono poterlo conoscere", come ha ribadito la Falcone, che non ha mancato di sottolineare come le precedenti tre edizioni della Btg abbiano prodotto l’incremento delle presenze straniere. In particolare grosse strutture di Vieste hanno sviluppato contatti con tour operator inglesi e già ad aprile sono giunti turisti che hanno assicurato presenze anche per il prossimo anno, mentre nelle piccole strutture si stanno col­tivando positivi contatti con operatori del Nord Europa. Pe­schici. Invece, seduce gli ame­ricani, e dopo la segnalazione su The Guardian tornerà a far parlare di sé sul New York Tirnes, dopo la recente visita di una giornalista statunitense .

Roberta Fiorenti
L’Attacco


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright