The news is by your side.

Promozione/ Gargano, la squadra non si arrende ai flop

1

Nonostante il disastroso novembre in campionato. Domenica la trasferta in casa del Cellamare, praticamente già una sfida salvezza.

 

Il Gargano Calcio, nonostante un mese di novembre negativo in fatto di risultati, non molla nel campio­nato di Promozione. Basta vedere quanto avviene durante gli alle­namenti: squadra compatta, diri­genza presente e speranzosa. Le ultime sconfitte hanno fatto sci­volare la compagine del patron Agostino Triggiani a pochi punti – dalla zona retrocessione (non ci sono i playout; retrocedono le ultime tre). Domenica la trasferta in casa del Cellamare ed è già sfida sal­vezza. «Non cerchiamo attenuan­ti per le ultime sconfitte – dice Triggiani – che ci possono anche stare, ma nonostante tutto la – squadra è stata sempre in partita. Comunque, non dobbiamo mol­lare perchè la squadra è molto viva – continua- e il campionato e lunghissimo, ma ritengo giusto affermare che siamo belli fino alla trequarti ma poi non riusciamo a finalizzare la grande mole di gio­co prodotta. Valuteremo il da farsi con molta calma. Sono certo che, continuando a lavorare come stia­mo facendo, i risultati non tar­deranno ad arrivare». Ma domenica prossima non bi­sogna sbagliare: con il Cellamare c’è bisogno dei tre punti, altrimen­ti la situazione si farebbe davvero pericolosa. «Dobbiamo fare teso­ro delle sconfitte e cercare di ri­prendere il più velocemente possibile la nostra fisionomia – con­tinua -. Troppa fretta di giocare a mio avviso, un atteggiamento che ci ha penalizzato già contro una squadra statica ma molto esperta come il M. Molfetta, qualche er­rore evitabile». Un Gargano cal­cio che sembra non avere più la lucidità delle prime giornate. «Quando vincevamo eravamo de­finiti campioni, la squadra sor­presa del campionato. Ora siamo diventati improvvisamente dei brocchi. La squadra è compatta, lavora bene durante la settimana e deve continuare a farlo sempre fisso l’obiettivo con grande umil­tà, senza supponenza e superfi­cialità. Bisogna essere più equi­librati ed obiettivi nei giudizi – dice Triggiani -. Il traguardo sta­gionale è una tranquilla salvezza, poi se alla riapertura delle liste, come detto, riusciremo a piazzare qualche colpo in grado di alzare il tasso tecnico della squadra, e se saremo in una posizione di clas­sifica adeguata, non ci tireremo indietro per raggiungere altri tra­guardi. Inoltre ricordo tutti che in queste prime giornate il nostro calendario è stato proibitivo in quanto abbiamo incontrato vere e proprie corazzate, affrontate tutte a viso aperto e ad armi pari».

A.V.