The news is by your side.

Rodi/ Pirt: botta e risposta dell’ex sindaco D’Anelli a Pinto

2

As­surde – per l’ex primo cittadino di Rodi Garganico, Carmine D’Anelli – le motivazioni for­nite dal Sindaco, Nicola Pinto, in relazione agli abusi edilizi e alla formulazione di un ipote­tico PIRT (Piano di interventi di recupero territorio) che non potrà certamente risolvere il problema degli abusi edilizi.

 D’Anelli spiega che così co­me proposto da Pinto è inat­tuabile; sia perchè lo scopo di un PIRT per essere credibile è, quindi approvato dalla Regio­ne, deve necessariamente com­prendere una parte omogenea di territorio, ove possono es­sere eventualmente compresi solo quelle abitazioni che sono state sanate o condonate, prima dell’approvazione del Pia­no". Pinto, a proposito della redazione dello strumento urbanistico aveva parlato di "interpretazioni distorte o comunque frutto di evidente travisamento, strumentalmente introdotte anche dal gruppo consiliare di opposizione, al "solo scopo di arrecare in qualche modo in­tralcio all’azione politica avvia­ta dalla nostra compagine". Il sindaco, a proposito del deli­berato del Consiglio comunale riguardante il Pirt che presen­tava margini di equivocìtà, po­tendo essere interpretata alla stregua di una sorta di rinunzia dell’amministrazione all’eser­cizio dei poteri di vigilanza e di repressione degli abusi, nella successiva delibera consiliare di rettifica è stato definitiva­mente fugato il campo da qualsiasi dubbio. Tant’è – assicurava – l’Ufficio tecnico comunale continuerà regolarmente ad espletare senza soluzione di continuità le proprie ordinarie attività di vigilanza e di repres­sione in materia di abusivismo edilizio. Carmine D’Anelli defi­nisce il sindaco "tuttologo" per­chè crede o vuol far credere che lui tutto può e che tutto gli è concesso. Ancora, della delibera di Giunta con cui – ricorda D’Anelli – si conferisce incarico a ben due avvocati per un im­porto di cinquemila euro a testa alla presenza certificata del vicesindaco, Loreto Veneziani, il quale, avendo un accerta­mento d’abuso in corso, quan­tomeno non doveva essere pre­sente in giunta considerato il suo diretto interessamento alla questione. Per D’Anelli è inspiegabile l’incarico dato al co­gnato dell’assessore Giuseppe Tavani per un importo pari a cinquemila euro per difendere una causa già vinta.

Francesco Mastropaolo

 

 

 

———————————————————————————

Comunicazione pubblicitaria

Queste alcune delle offertissime di lunedì:

 GRANA PADANO AD € 9.99 KG
 
PROSCIUTTO CRUDO AD € 1.19 L’ETTO
 
ALI DI POLLO AD € 0.19 L’ETTO
 
PANCETTA DI SUINO AD € 0.55 L’ETTO
 
TONNO RIOMARE GR80X4 AD € 2.99

SuperMercato OLMO-Despar a Vieste sul viale XXIV Maggio

Dove non solo il lunedì è più mercato del mercato