The news is by your side.

Vieste – Torna il Presepe Vivente degli studenti delle scuole viestane

1

I ragazzi dell’Ipssar, del Polivalente e della Scuola Media, la gioventù della nostra cittadina, è pronta a scendere in piazza per celebrare l’evento che si ripete da 2012 anni: la nascita del Bambinello. 20121218_presepe_vivente.jpg

La rappresentazione del Presepe Vivente nel centro storico viestano giunge alla quinta edizione; speranza, fiducia, amore e pace, il messaggio rendiconto e perpetuo che l’accadimento racchiude: "Sms: pace agli uomini di tutto il mondo" la proposta di quest’anno.

Alla scoperta di un altro scorcio del nostro borgo antico, per farlo rivivere, anche in un periodo dell’anno dove solo gli sparuti abitanti della città vecchia dimorano in silenzio.

La sera del 19 dicembre un haitat che sembra essere uscito dalle fiave di un mondo lontano, sarà animato da giovani di ogni età: schiamazzi, luci, musica, balli e un coro di angeli faranno vivere quei luoghi rievocando la nascita di Gesù.

La capanna, culla del Bambinello, è situata in un borgo dove la vita scorre tra arti e mestieri di ogni tempo. Il percorso è segnato dalle fiaccole vivento, Luce che guida alla capanna e che conduce alla piazza del mercato.

Per strada sarà possibile incontrare la figura di San Francesco, dedito ad allestire il primo presepe che la storia ricordi nel 1223, quella di Gandhi, Martin Luther King, Mandela, Madre Teresa di Calcutta, Papa Woityla che hanno contribuito con il loro vissuto a rendere concreto il messaggio di pace nel XX secolo, secolo di guerre e di radicali cambiamenti.

Ancora una volta la speranza è riposta nei giovani che simulano personaggi di un tempo lontano e nel gioco dei ruoli interpretano un messaggio vero, divengono depositari dell’eterno amore, quello che alberga in ogni cuore, il solo capace di garantire la pace.

Saranno due le rappresentazioni previste nel tabellone delle manifestazioni natalizie viestane: il 19 dicembre, a partire dalle ore 18, ci sarà la versione integrale del presepe vivente mentre il 22 sarà rappresentata la sola natività.