The news is by your side.

Mattinata/ Residence«II Porto» la Cassazione ordina il dissequestro

1

La Corte di Cassazione ha annullato il provvedimento di sequestro dell’Hotel "il Porto srl".

L’udienza si è tenuta il giorno di San Valentino -14 febbraio­a Roma. A distanza di quattro mesi esatti (era il 13 ottobre quando scattarono sigilli) la suprema Corte ha quindi an­nullato il provvedimento di sequestro del Tribunale va­rato nell’ottobre 2012 per (pre­sunte) irregolarità riscontra­te. Come si ricorderà quattro mesi fa la magistratura fog­giana denunciò cinque per­sone per sbancamenti rite­nuti illegittimi e fmalizzati ana realizzazione appunto della mega struttura, l’Hotel "il Porto", un albergo a quat­tro stelle con residence an­nesso: il tutto per un valore di 24 milioni di euro e 70 mila metri quadrati di superficie. I magistrati fecero scattare i sigilli dopo alcuni mesi di lavoro (e le serrate indagini dei carabinieri). Tra gli in­quisiti risultò anche Eliseo Zanasi, presidente della Ca­mera di Commercio di Foggia ed ex presidente della Con­findustria foggiana. Le inda­gini furono coordinate dalla procura di Foggia. Cinque complessivamente i denun­ciati in quella circostanza: Francesco Paolo Moschella, amministratore unico della società "il Porto srl" , ditta appaltatrice dei lavori e legale rappresentante della società, "Zanasi e Moschella srl", ese­cutrice delle opere edili; Eli­seo Antonio Zanasi, direttore tecnico della società "Zanasi e Moschella srl"; Federico Er­minio Moschella, direttore dei lavori; Matteo Michele Piemontese e Giuseppe Tomaiuolo, responsabili dell’uf­ficio tecnico comunale di Mattinata in tempi diversi. L’area interessata – come si ricorderà – era (ed è) un’area di 24 milioni di euro che, secondo la tesi accusatoria della Procura, dopo i lavori avrebbe "deturpato in modo profondo il fianco della col­lina. La Procura della Re­pubblica di Foggia ritenne che tra progetto – presentato nel 2005- ed interventi poi effettuati, cioè fra quello che era il piano di lavoro e ciò che era poi stato il risultato, la differenza fosse enorme. Il provvedimento di sequestro della Procura di Foggia fu emanato anche e soprattutto sulla base dei riscontri ri­levati dai Noe (nucleo ope­rativo ecologico dei Carabi­nieri) di Bari che interven­nero sul posto nella prima­vera del 2012. In quel periodo l’intervento dei Noe provocò – sempre a Mattinata – anche un altro sequestro:quello del resort 4 stelle "La Casa e il Mare". Era il giugno del 2012. Cui però, dopo 15 giorni il Tribunale del Riesame accor­dò ai proprietari, nelle more del giudizio ultimo, la facoltà d’uso. Facoltà d’uso che in­vece non fu concessa (nel no­vembre del 2012) dallo stesso Tribunale ai gestori e proprietari del ristorante "Il Por­to", che ne avevano fatto ri­chiesta. L’hotel, quando fu se­questrato, era aperto da qual­che mese. Vantava e vanta circa 40 camere ed a ferra­gosto aveva fatto registrare il pienone con turisti stranieri a luglio (russi, polacchi e cechi) e italiani ad agosto (in mas­sima parte campani e baresi). Quando a mezzogiorno di sa­bato 13 ottobre 2012 scatta­rono i sigilli, al lavoro nella struttura c’erano ancora una ventina di operai (a regime il numero era arrivato a qua­ranta). Nelle stanze alloggiavano – pur essendo otto ore inoltrato, quindi a stagione estiva già chiusa – turisti ame­ricani e giapponesi, una ses­santina circa. Dalla direzione al cronista in quella circo­stanza snocciolarono le date e le prenotazioni cancellate: "Due banchetti la domenica successiva, un matrimonio al­la fine del mese di ottobre. Prenotazioni c’erano anche per il ponte di "Tutti i Santi" del primo e due novembre e anche nel mese di dicembre: Con la notizia del disseque­stro da parte della Corte di Cassazione, si apre per i di­pendenti dell’hotel, uno squarcio di luce dopo tanta angoscia. Quella parte di Gar­gano che si affaccia sulla baia e che era diventata (con i pro e i contro) la nuova cartolina del Gargano al pari di Pugnochiuso e Baia delle Zagare può tornare ad aprire i battenti.
Francesco Trotta

———————————————————————————————————-
 

Informazione pubblicitaria

CIBO OGM? NO GRAZIE!!

FRUTTISSIMA

Via Giovanni XXIII, 59   VIESTE     Tel. 0884 700085

Quale frutta scegli oggi?

Cicoria Catalogna                             Kg1        euro 0.79

Patate  –                                         Kg 4       euro 2.49                                         

Melanzane –                                    Kg 1       euro 1.49

Mela Golden                                    Kg 1        euro 0.89

Arance Navel                                   Kg 1        euro 0.79

Clementine                                     Kg 1        euro 0.80

Banane                                          Kg 1        euro 1.00

Cime di Rapa                                  Kg 1        euro 0.80

Broccoletti                                       Kg 1        euro 0.69

Peperoni Verdi                                 Kg 1        euro 1.40

Ananas                                           Kg 1        euro 0.99

Cipolle sponzali                                Kg1        euro 0.79

Lampacioni                                      Kg1        euro 2.99

                               VASTO ASSORTIMENTO PROMOZIONALE DI LEGUMI SECCHI

Fagioli Cannellini                                Kg1        euro 1.89

Ceci                                                  Kg1        euro 1.99
 

—————————————————————————————————————–