The news is by your side.

Vico/ Prove tecniche di future alleanze

1

Dopo lo scioglimento della competizione elettorale si pensa al voto: segreterie riunite.

 

Prove tecniche di alleanza in vista delle prossime ammi­nistrative quando gli elettori di Vico del Gargano il 26 e 27 maggio prossimi saranno chiamati alle urne per eleggere sindaco e consiglieri comunali. Largo il fronte da cui potrebbe venir fuori il nome del candidato alla massima carica cittadina. I segretari e i responsabili delle sezioni cittadine: Miche­lina Simone (PD), il commissario e il sub commissario PDL, Vittorio Biscotti e Mi­chele Pupillo; Michele Sementino (UDC), Fiorenzo Mastromatteo, segretario del­l’UDCAP, si sono riuniti per una "Rifles­sione sulla situazione politico-amministra­tiva locale ma anche un confronto su ruolo e metodi della Politica e dei Partiti; più in generale per quanto riguarda l’impegno po­litico – è stato sottolineato – in momenti non facili per le collettività. Nei prossimi in­contri, che riprenderanno subito dopo le elezioni politiche, la discussione riguarde­rà i problemi di Vico del Gargano nonché i metodi e i criteri per affrontarli. Si valute­rà, inoltre, con "senso di responsabilità, la sussistenza di convergenza, ma anche di­vergenze su ogni singola problematica e sulle relative soluzioni, sugli obiettivi con­cretamente perseguibili e sulle modalità del loro raggiungimento. Riunioni che po­tranno essere allargate a singoli e asso­ciazioni che riconoscano alla "Politica" un ruolo di centralità, si svilupperà una ri­flessione diretta ad individuare un gruppo dirigente che da un lato possa essere real­mente capace di affrontare i problemi del Paese e, dall’altro, possa avere la tranquil­lità di essere aiutato e coadiuvato, nel non facile compito dell’amministrare, da un concreto supporto politico e, attraverso i partiti, da un vero, concreto e tangibile consenso. Non divisione e scontro – viene sottolineato – ma unione e collaborazione; recupero e valorizzazione delle molte espe­rienze, in un sistema che, soprattutto, sia chiaro e trasparente e fin dall’inizio portato a conoscenza dell’elettorato. A Vico del Gargano si tornerà alle urne ad un anno di distanza dal plebiscitario risultato arriso a Pierino Amicarelli. Sindaco che, a novembre dello scorso anno, aveva presentato le dimissio­ni, poi rientrate, un tentativo – ricordava Amicarelli – nella speranza che si potessero ricucire i rapporti all’interno della mag­gioranza; a metà gennaio le dimissioni de­finitive. Amicarelli non ha detto addio alla politica, anzi, l’esperienza maturata – spie­ga – mi ha fortificato e possiamo confermare che a maggio, insieme ad "Amici fidati, seri, impegnati per il bene pubblico chiederemo un nuovo mandato al fine di ridare dignità e speranza alla nostra città". L’impegno di sempre per Amicareli è far sì che Vico del Gargano "Riprenda la lea­dership, diventi fulcro della vita sociale e politica dell’intero Promontorio, avvii for­me di collaborazione con le amministra­zioni dei Comuni limitrofi al fine di creare, opportunità di sviluppo per tutto il Gar­gano".

Francesco Mastropaolo