The news is by your side.

8 MARZO 1908 Auguri a tutte le DONNE del mondo

44

In questa data a New York , un terribile rogo uccise ardendole vive 129 donne che stavano scioperando all’interno dell’industria tessile in cui lavoravano, la “Cotton”.Le condizioni di lavoro e le violenze che sopportavano ogni giorno in cambio di pochi spiccioli erano disumane. Dopo giorni di inattività dovuta allo sciopero delle operaie, il proprietario inferocito, ordina di sbarrare i cancelli dell’impianto e vi appicca il fuoco.Negli anni a seguire viene istituita la festa della donna, in ricordo e nel rispetto di quelle eroine che hanno lottato per i propri diritti e sono morte per tale ragione.Queste sono le origini della festa, in cui si dona un rametto di mimosa fiorita per renderle omaggio.Nel linguaggio dei fiori la mimosa è simbolo di forza, virilità e femminilità, proprio quelle caratteristiche, quelle doti delle 129 donne, mamme, ragazze, che hanno combattuto fino alla morte per farsi valere in un mondo che le trattava come merce, animali da lavoro, da sfruttare e trascurare.Per noi una donna è un universo parallelo fatto d’amore, dolcezza, ricco di sentimenti, in cui può entrare solo un uomo che sa aprire il suo cuore e guardare con occhi diversi .L’8 marzo è un giorno di riflessione, in cui ricordare le vittime della violenza maschile, le ingiustizie che l’uomo ha commesso sulle donne, è il giorno in cui l’uomo deve chiedere perdono per queste tragedie, perché ogni donna è un capolavoro da ammirare ed amare, che ha una dignità e i suoi diritti.In ogni donna è racchiuso un tesoro che non può essere profanato con la violenza, ma scoperto dall’uomo che ne intuisce il valore ed è disposto a sacrificarsi per custodirlo.È uno scrigno rinforzato di segreti, pensieri, sensazioni, che tiene dentro, che pervadono il suo cuore e che non svelerà mai.In questa data cogliamo l’occasione per dare un messaggio diverso sa quelli sdolcinati rivolti alle donne nell’ignoranza.Abbiamo voluto comunicare le ragioni di questa ricorrenza, per esortare tutti gli uomini a non essere tiranni, ad amare davvero la propria donna e a rispettarle in genere, e per informare le donne che non sanno, soprattutto le più giovani, che questa festa non è solo motivo di trasgressione, ma è un momento di ricordo in cui fermarsi e ringraziare le 129 vittime di quel rogo del 1908, che hanno lottato per il rispetto e l’uguaglianza, e sono morte tra le fiamme della pazzia di quell’uomo.

BUON 8 MARZO A TUTTE LE DONNE DEL MONDO
Associazione Culturale e Politica "Attraverso Noi" Rodi Garganico