The news is by your side.

Dall’antica civiltà contadina del Gargano “ I falò di San Giuseppe “

2

Il 19 Marzo coincide con l’equinozio di primavera; già nell’era pagana si venerava questa data per dire addio all’inverno e dare il benvenuto alla nuova stagione. Il falò è stato l’artefice nei secoli, unico conduttore delle diverse culture religiose.

I fuochi di purificazione servono a bruciare tutte le potenze negative, riscaldare il cuore della terra e far germogliare la natura per ricevere da essa raccolti abbondanti.
Nel paese di Vico del Gargano la confraternita della chiesa dove è posta la statua di San Giuseppe mantiene viva questa antica tradizione, racimola rami di albero d’ulivo appena potati e rami di vitigni da ardere nel piazzale.
Le famiglie un tempo, preparavano i dolci tradizionali e le orecchiette con le noci; i frutti venivano selezionati in autunno, oggetti di desideri dei ragazzi durante il lungo inverno ma che nessuno osava toccare, per devozione e per rispetto verso il Santo.
A Sannicandro Garg. si effettua la scampagnata presso la collina dove in passato è stata costruita la chiesetta che per occasione viene adornata di fiori e di violette.  
I festanti dopo la funzione religiosa raccolgono la legna secca da ardere nel piazzale per fare la carne e le salsicce alla brace. La collina offre un panorama incantevole da dove si possono ammirare mare, isole e pantani e scrutare ogni angolo del paese.
La giornata viene allietata dai cori di:  “quel  mazzolin di fiori che vien dalla montagna” e i profumi delle frittate, del caciocavallo, dei lampascioni al forno, dei taralli e dei peperati si confondono con l’aria novella della Primavera.
Anche nel paese di San Giovanni Rotondo il rito si rinnova con il detto “Fanoje”, una vera competizione dove una giuria assegna i premi ai migliori falò per l’estro della fattezza. Tempo fa, si allestivano i falò in ogni rione e il mulino di Massa metteva a disposizione una quantità di olio per friggere le pizzette “zeppole” che le massaie dall’alto offrivano dentro un cestello di vimini calato con una cordicella, alla popolazione disposta sulle gradinate.
I boscaioli scendevano nel paese con i propri cavalli, muli e asinelli con i dorsi carichi di cepponi e di carbonella. I ragazzi andavano incontro e li seguivano in corteo  provocando la protesta degli asini che manifestavano con ragli assordanti. Confezionare il falò era come costruire un castello, ogni movimento veniva seguito dagli sguardi dei fanciulli curiosi e avidi di apprendere i trucchi di come posizionare la legna in modo da facilitare l’ accensione serale e rendere la fiamma duratura.
Il fuoco rappresentava l’auspicio dell’abbondanza e i giovani, per mostrare i muscoli e la loro abilità alle ragazze,  saltavano sopra strisciando la legna per causare le scintille che salivano verso l’alto con il significato di sprigionare le anime dei defunti e liberarle nel cielo.  Antichi strumenti agricoli venivano esposti nei vari rioni come simboli della vecchia cultura contadina. I partecipanti si cimentavano in vere gare  come: tiro alla fune, corsa nei sacchi e il palo della cuccagna. Quest’ultima prova consisteva nel conficcare un palo robusto nella terra la cui altezza di 5 metri circa; veniva unto di grasso e posti alla cima: formaggi, salumi, un fiasco di vino, un agnellino o un capretto vivo; le bestie venivano legate per le quattro zampe appese all’ingiù, esse belavano per tutta la durata della gara; ai premi venivano attribuiti quattro diversi stendardi. I concorrenti che toccavano per primi uno di questi, diventavano possessori del prodotto corrispondente.
I vincitori erano quasi sempre, i ragazzi meno agiati che volutamente si sporcavano il corpo di terra o di ceneri per non scivolare, caparbi alla buona riuscita, soprattutto per riscattarsi dal triste inverno crudele nei loro confronti.
La serata si concludeva con i canti “strapolette” per prendere in giro bonariamente, i partecipanti degli altri falò, comunque moderati e intonati al periodo di quaresima.
Sotto le ceneri del falò venivano messi, rotoli di salsicce incartate, cipollotti freschi, patate e lampascioni, essi venivano conditi con il sale e con l’olio nostrano.
I ragazzi si riempivano le tasche di sale grosso per buttarlo di nascosto nel falò provocando lo scoppiettio, tantissime scintille e qualche buco al lungo vestito delle donne partecipanti. Tutta la popolazione si preparava alla nuova fase delle colture agricole, le ceneri del falò venivano sparse nei campi mentre la brace residua si portava nelle case per far bruciare le forze malefiche accampate.
Le tradizioni del Gargano erano apprezzate dai foresti Pellegrini che venivano dai lontani paesi per sostare e visitare i luoghi Sacri dove diverse Divinità hanno dimorato, luogo serio e antico adatto a fare rigenerare le energie Spirituali.
I promotori che si attivano per mantenere vive queste vecchie tradizioni, sono ammirevoli, sono veri Benefattori.
San Giuseppe è venerato tutt’ora, dai tanti fedeli del Gargano, essi partecipano  alla messa solenne e viene esposta sull’Altare delle chiese ornate a festa, la statua del Santo il cui sguardo suggestivo invita la popolazione a respirare l’aria nuova di primavera, messaggera di fratellanza e di bontà.                                                                                           

Il falò di San Giuseppe

La sera di San Giuseppe
si bruciano frasche e ceppi
e tanti giovanotti
senza più i cappotti
saltano e fan faville
sprigionando le scintille.
Le fiamme verso il cielo
sciolgono brina e gelo.
La gente di ogni loco
fa cerchio intorno al fuoco
il calore della fiammata
riscalda il vicinato
i cuori e i visini
delle belle signorine.
L’inverno è alla frontiera
ben venga la Primavera.
                                                                   Antonio Monte da Milano