The news is by your side.

Parco/ Legalita’: Pecorella nomina Luca Soldano responsabile della prevenzione della corruzione

1

“La sfida all’illegalità deve partire dagli amministratori della cosa pubblica”. Così chiosa il Presidente del Parco Nazionale del Gargano, Avv. Stefano Pecorella, il quale ha nominato il Responsabile della Prevenzione della Corruzione dell’Ente. Al Direttore f.f., Dott. Luca Soldano spetterà la predisposizione del Piano Nazionale anticorruzione, così come previsto dalla legge 190/2012 in tema di prevenzione per la repressione della corruzione e dell’illegalità nella pubblica amministrazione.

Una decisione importante per dare una risposta tangibile alle sempre più frequenti esigenze di una comunità che chiede a gran voce maggiore serietà delle istituzioni.
“I cittadini hanno il diritto di sapere che ci sono amministratori onesti e virtuosi di cui possono fidarsi, specie in questo momento di smarrimento e di forte sfiducia nelle istituzioni. – dichiara Pecorella -.  Noi abbiamo il dovere di informare il cittadino con chiarezza su tutto quello che accade nell’Ente, perché ognuno possa formarsi un’idea sull’amministrazione del danaro pubblico ed accogliere o meno con favore l’operato dei suoi rappresentanti. La normativa anticorruzione che punta sulla trasparenza degli atti e sul controllo dei dirigenti ci trova pronti e, per alcuni aspetti, anche in posizioni più avanzate, poiché, dal mio insediamento, abbiamo dotato l’Ente Parco di tutta una serie di strumenti e servizi diretti a rendere la nostra casa quella di tutto il territorio, in modo comprensibile e trasparente. Abbiamo reso concreto il principio di “accessibilità totale” alle informazioni il cui scopo è quello di diffondere e rendere facilmente reperibili per cittadini e utenti i dati e le informazioni che riguardano i diversi aspetti dell’attività amministrativa e gestionale dell’Ente. Ho deciso di cogliere questa nuova sfida, perché voglio dare un chiaro segnale contro un pregiudizio che serpeggia di illegalità diffusa degli atti e comportameti dell’amministratore pubblico e così rispondere al bisogno di sapere di sentirsi rappresentata da persone oneste. Non possiamo sempre chiedere solo al cittadino di essere onesto, dobbiamo , prima noi, dare il buon esempio.”
Al Responsabile vengono affidati i compiti di predisposizione del Piano anticorruzione di individuare le aree a rischio e di programmare la formazione del personale. Per questo ruolo, come previsto dalla norma, non sarà corrisposto alcun ulteriore compenso e quindi questo nuovo incarico non graverà sulle casse dell’Ente e sui cittadini.
La questione dell’affermazione della legalità è un tema che sta particolarmente a cuore al Presidente Pecorella che nei giorni scorsi ha partecipato a due simboliche manifestazioni svoltesi nel territorio garganico che hanno visto la partecipazione di molti giovani: ‘1^Marcia della Legalità’ a Manfredonia – voluta fortemente da Mons. Michele Castoro- e l’incontro-dibattito ‘Sport&Legalità’ al quale hanno preso parte, oltre alle Forze dell’Ordine, personaggi simbolo del calibro di Gigi De Canio (allenatore della Seria A di Calcio), Franco Selvaggi (campione del mondo a Spagna ’82) e Chiara Carpano (moglie dell’indimenticabile portiere Franco Mancini, scomparso prematuramente un anno fa).
“Il messaggio giunto da queste manifestazioni è eloquente – sottolinea Pecorella- : il Gargano, che troppo spesso è dipinto come territorio violento e sotto lo schiaffo della criminalità, invece, è un campo fertile che va coltivato per far crescere arbusti sani e forti ed eliminare le dannose erbacce. Fuor di metafora, intendo dire che ci sono tutti i presupposti per far affermare la legalità, perché sono i giovani che lo chiedono e vogliono impegnarsi. Non possiamo far cadere nel vuoto la loro richiesta di aiuto, il loro desiderio di avere spazio nella società per costruire un futuro diverso, migliore. Ho ascoltato attentamente e mi ha molto colpito il discorso fatto da due studentesse di Manfredonia (riportato a margine di questa nota e che troverete pubblicato sul sito dell’ente) che hanno letto una lettera aperta alla città da parte di tutti i ragazzi.
La mafia e la criminalità si abbattono sul terreno della crescita della cultura, attraverso la gestione delle informazioni in maniera corretta e non falsa e di parte; promuovendo luoghi di aggregazione e stimolando la partecipazione. Il buon esempio è un’azione positiva che fa luce ed accende i riflettori su quelle zone d’ombra che tanto fanno comodo a chi vuole gestire il futuro degli altri a proprio uso e consumo. Insieme possiamo farcela, partiamo dal sentire la voce della nostra coscienza civica”.

LA VOGLIA DI LEGALITA’ DEI GIOVANI
Di seguito il discorso integrale di Katia Santoro e Dalila Rinaldi, studentesse di Manfredonia che, durante la ‘1^ Marcia della Legalità’ hanno letto con coraggio e maturità una lettera aperta scritta da di tutti i ragazzi alla città ed alla società. Parole che racchiudono un’importante e dura analisi dei nostri tempi e, al tempo stesso, la voglia di mettersi in gioco, di chiedere spazio, per costruire un percorso diverso, un futuro migliore.

"Cara Manfredonia,
eccoci qui questa sera, in questa nostra bellissima Piazza, che storicamente è il centro e il ritrovo della gente e della cultura manfredoniana. Una città stupenda, ricca di storia, cultura, arte e tradizioni, che negli ultimi tempi ha visto il suo nome più volte infangato.

Negli ultimi anni abbiamo assistito, spesso increduli ed inermi, a vicende che credevamo potessero appartenere solo ai film. Meno di dieci anni fa l’omicidio di Giusy Potenza, un’adolescente come tanti presenti qui questa sera. All’epoca fu considerato un caso isolato, un gesto estremo che non avrebbe avuto ripercussioni sulla città. E invece, a distanza di alcuni anni, la storia si è ripetuta con altri omicidi, ultimo quello di un altro giovane, Cosimo Salvemini.

Questa sera la Piazza, che forse tante volte ha visto passare, e sorridere, queste giovani vittime, ora è colma di giovani, loro amici, famiglie, bambini, parrocchie, istituzioni varie, tutti riuniti dopo aver marciato insieme per esprimere un concetto dimenticato forse anche da noi da troppo tempo ormai: la legalità!

La legalità spesso viene data per scontata all’interno della società moderna tanto da non esser mai nominata, perchè si crede che non ci sia bisogno di parlarne. Ma cari amici cittadini, secondo voi è giusto continuare a sostenere questa consuetudine? È giusto restare in silenzio e veder scorrere la nostra storia come un film di cui non sappiamo il finale? L’illegalità, che è alla base di questi episodi, è un cancro diffuso all’interno della nostra Comunità, davanti al quale tutti voltano la testa dall’altra parte, perché ogni parola pronunciata su questi argomenti potrebbe un giorno rivoltarsi contro di noi. Ma stasera si volta pagina.

Siamo qui, dopo un percorso che nelle scorse settimane ha visto vere e proprie officine di idee con giovani, studenti, istituzioni, associazioni. Si forse eravamo in pochi, ma da questa sera siamo certi che possiamo essere in tanti. Siamo qui per dar voce alla legalità, per dire che noi giovani non ci stiamo più agli esempi che nella quotidianità ci vengono proposti. Noi giovani di Manfredonia siamo stanchi di esser visti dall’esterno come le pecore nere della società. Siamo stanchi di andare in giro per l’Italia e sentir parlare male della nostra terra d’ origine.

È vero, fra noi ragazzi c’è chi purtroppo, per propria scelta, o perché costretto, si è macchiato le mani di vicende spesso crudeli per la propria vita, e per quella altrui, che hanno suscitato in ognuno di noi rabbia, ripugnanza. Vicende che non vanno dimenticate affinchè non si ripropongano nuovamente. Siamo qui non per puntare il dito contro i colpevoli degli ultimi episodi, nostri coetanei. Siamo certi che, come abbiamo detto durante la marcia, non \"sono dei mostri, ma sono dei nostri\", anch’essi vittime di un sistema consolidato. Non siamo qui per fare una rivolta disordinata e sgradevole, anzi è un’iniziativa per voltare pagina e provare a dare inizio ad uno stile nuovo di città. Siamo qui perché abbiamo deciso di metterci la faccia, rendendoci cittadini attivi, animati dal desiderio di andare controcorrente.

Siamo qui perché vogliamo dar voce ai sognatori, e siamo certi, c’è ne sono tanti in questa Piazza, che come noi vogliono rimboccarsi la maniche per restituire il sorriso alla nostra città e che hanno espresso la loro opinione e le loro proposte tramite vari mezzi di comunicazione, mail, face book e con questionari raccolti in Piazza alcuni giorni fa e a cui vogliamo dar voce.

Innanzitutto vorremmo che noi giovani fossimo presi maggiormente in considerazione come protagonisti nei vari luoghi, dalla politica alla scuola, dalla Chiesa alle associazioni. Protagonisti capaci di pensare e proporre e non solo usati per progetti di bella facciata. È necessario attuare nuove politiche giovanili e maggiore attenzione al mondo della scuola, perché a prendersi cura di noi ci siano figure competenti e che credono nel loro ruolo educativo, e non solo funzionari dello Stato pagati per svolgere delle ore di lezione. Il loro compito educativo sia anche il trasmetterci e testimoniarci dei valori sani.

Forse noi giovani non siamo il risultato di ciò che voi adulti ci avete trasmesso e ci testimoniato? Questo mondo, spesso macchiato, in cui viviamo non siete stati voi a consegnarcelo? Chiediamo di esser formati per ricoprire ruoli di rappresentanza nella scuola, nei partiti, nelle associazioni ed in tutti i luoghi. Gli adulti siano per noi maestri e testimoni. Il tempo è ormai maturo per parlare in questa città di un Forum dei giovani e di un Forum permanente sulla legalità, un luogo di incontro e dialogo da cui far partire proposte che possano essere ascoltate da tutte le istituzioni.

Noi giovani chiediamo di poter abitare la città con maggiori luoghi a nostra disposizione, in cui svolgere attività educative, artistiche, sportive che siano veicolo di valori verso la legalità. Cosa è la legalità se non un insieme di regole che ci unisce? L’illegalità ci divide, ci mette uno contro l’altro come dei nemici che devono dominarsi a vicenda. Chiediamo luoghi come nuovi cinema, piscine, più valorizzazione di luoghi come il Luc e il Teatro comunale con maggiore fruizione per tutti. Chiediamo maggiori progetti nelle periferie, aperture di luoghi come oratori, centri sportivi che possano essere un’alternativa alla strada e ai garage, spesso unico ritrovo in cui si registra un alto consumo di alcool sino a divenire addirittura in alcuni casi luoghi di morte.

Chiediamo maggiore illuminazione nelle periferie, maggiori sistemi di sorveglianza, anche nelle zone del centro. Chiediamo che le forze dell’ordine siano di esempio, e che non passino su episodi anche di lieve gravità con disinvoltura. Ogni giorno tutti assistiamo a piccoli reati commessi come non la noncuranza dell’ambiente con atti di vandalismo puro che sporcano la nostra città o l’infrazione dei codici stradali. Maggiore controllo e maggiori sanzioni porterebbero tutti ad un maggior rispetto. Chiediamo che venga valorizzato il nostro ambiente, anche attraverso progetti educativi come l’adozione del verde pubblico da parte di studenti e scolaresche. Chiediamo che ci siano più luoghi, come ad esempio il lungomare in estate, che vengano adibiti a zone pedonali, in cui poter liberamente aggregarsi: giovani, adulti, bambini per respirare aria pulita. La città non sia in funzione delle macchine e dell’edilizia ma degli uomini.

Chiediamo per tante nostre famiglie che ci sia maggiore attenzione ai nuovi comparti, con velocità nell’attuare tutte le pratiche burocratiche, siamo stanchi di vedere piangere genitori e nascenti famiglie per non poter vivere nelle case conquistate a fatica. Chiediamo all’Amministrazione di avvalersi di funzionari e dipendenti che facciano della legalità e dell’amore alla città il loro distintivo, rendendo tutti gli atti il più trasparente possibile, cosi da creare in noi cittadini fiducia e credibilità. Siamo stanchi di vedere corruzione, clientelismi e dipendenti pubblici che abusano del loro ruolo.

Chiediamo che ci sia maggiore attenzione sulle politiche del lavoro e di formazione al lavoro per i giovani perché possiamo anche noi tirare fuori i sogni dai cassetti e dar vita ad una nuova stagione imprenditoriale. Aiutateci a far sì che ci siano le condizioni per amare la nostra città, e desiderare di abitarla per sempre e non di fuggire da essa.

Chiediamo che ci aiutate a non far morire questa marcia, ma di renderci partecipi di tutti i progetti e le richieste elencate. Chiediamo quindi di poter sognare ancora e che non uccidiate i nostri sogni, ma che ci tendiate la mano credendo in noi per realizzarli. Non uccidete i nostri sogni.

Probabilmente le vittime e i colpevoli degli ultimi fatti di cronaca, prima di aver perso o fatto perdere una vita, avevano perso i loro sogni".

 

 

 

 

—————————————————————————————————————–

Informazione pubblicitaria

A volte hai solo bisogno che qualcuno ti dica “Stai Tranquillo, andrà tutto bene goditi un caffè…o un aperitivo de Il Capriccio direttamente sul molo…anzi sul pontile..quando il mare è anche a tavola!

Sorridi mal che vada avrai contagiato te stesso o chi incontri con un briciolo di positività. Sorridi.
Ti aspettiamo….

Ristorante Il Capriccio
Località Porto Turistico – Vieste
Tel. 0884 707899
www.ilcapricciodivieste.it

——————————————————————————————-