The news is by your side.

Vascello: «Il Lisa non è un lusso. Il nostro turismo muove 450 milioni di euro»

1

Aerostazione indispensabile per l’economia della Capitanata. Dopo le perplessità di Aeroporti di Puglia sull’allungamento della pista.

 

In coincidenza dell’arrivo della bella stagione, e, quindi, la partenza delle attività turistiche, in Capitanata a riaccendersi, purtroppo non sono i motori degli aerei ma i vespai di polemiche sullo standby dell’aeroporto ‘Gino Lisa’, un’inattività di quasi due anni. Le perplessità di Aeroporti di Puglia sul piano complessivo de famigerato allungamento della pista, risultano come benzina di un fuoco già parecchio ardente. Tra i protagonisti di questo nuovo capitolo della battaglia per il ‘Gino Lisa’ è Nicola Vascello, ex Commissario Apt di Foggia, che da un paio di giorni grida ai quattro venti l’importanza dello scalo foggiano, arrivando persino allo scontro con il sindaco Gianni Mongelli. “Il Gino Lisa non è un lusso perché è una infrastruttura a sostegno di un comparto fondamentale per l’economia della nostra provincia, una industria quella alberghiera che con i suoi 96.000 posti letto, 4.500.000 di presenze, 450 mln di euro di fatturato e gli oltre 7000 addetti rappresenta molto probabilmente la più grande industria (pulita) della nostra regione – chiosa Vascello-. Per darvi un termine di valutazione le strutture ricettive di tutta la Costiera Amalfitana mettono insieme poco più di 8.000 posti letto.

Il Mattino di Foggia