The news is by your side.

Un Sefer Torah per gli Ebrei di San Nicandro

19

 I festeggiamenti lo scorso 9 marzo San Nicandro, piccolo paese del Gargano, è testimone di una delle storie più straordinarie e vivaci dell’ebraismo moderno. Da qui è iniziata l’avventura di Donato Manduzio, l’autodidatta che portò negli anni Trenta la Torah a San Nicandro. Qui, ottant’anni dopo, la comunità sannicandrese, erede degli insegnamenti di Manduzio, ha festeggiato l’ingresso del Sefer Torah all’interno della sua sinagoga. Una pagina di storia, scritta tra i sorrisi, i canti e la commozione di
una realtà più unica che rara. Emozioni condivise, al termine di uno
shabbaton organizzato dall’Unione delle Comunità Ebraiche, con i
rappresentati dell’ebraismo italiano, e non solo, con la presenza tra
gli altri di rav Scialom Bahbout, neo rabbino capo di Venezia; rav
Elyahu Birnbaum, rabbino dell’organizzazione internazionale Shavei
Israel e il suo presidente Michael Freund; il presidente della Comunità
ebraica di Napoli Pier Luigi Campagnano, Renzo Gattegna, presidente
UCEI; Pier Paolo Gualano, sindaco di San Nicandro; Gadi Piperno del
Dipartimento Cultura e Educazione UCEI e rav Pierpaolo Pinhas
Punturello. "Un messaggio e un esempio di incrollabile fiducia ci
perviene da voi di San Nicandro – ha affermato nell’arco dell’evento il
presidente Gattegna – che avete avuto l’orgoglio e il coraggio di
rivendicare un’identità ebraica proprio nel periodo in cui nazismo e
fascismo si apprestavano a tentare di realizzare lo sterminio,
l’annientamento, la Shoah". Perché in questo unicum che è la storia
dell’ebraismo sannicandrese (buona parte convertitosi ufficialmente nel
dopoguerra e di cui 70 membri fecero l’alyah nel 1949) c’è anche il
remare controcorrente. Nel momento più buio per gli ebrei, in cui non
solo esserlo era fonte di pericolo ma anche offrirvi aiuto, Manduzio –
sulla cui tomba questa mattina il presidente Gattegna, gesto di memoria,
ha lasciato un sassolino – gettava i semi della sua conversione.
Dall’analfabetismo alla scoperta da autodidatta della Bibbia, regalo di
un amico, il capostipite della Comunità di San Nicandro chiese a Remo
Cantoni e ai leader del mondo ebraico dell’epoca di iniziare il percorso
per la conversione ufficiale. A stupire sono le date: la domanda arrivo
a cavallo tra il 1937 e il 1938, all’alba delle leggi razziste. Ma i
sannicandresi, ostinati e determinati, non demordono. Non li ferma il
razzismo di stato, la diffidenza dei concittadini, le problematiche con
le istituzioni. E questa testardaggine – attraverso anche l’incontro tra
Manduzio e il partigiano e membro della Brigata ebraica Enzo Sereni – li
porta al riconoscimento nel 1946 e alla decisione di lasciare un’allora
sperduto paese del Gargano per il sogno da costruire, Eretz Israel.
Quattro donne rimasero a presidio della comunità: attraverso di loro la
favola sannicandrese non si è sopita, arrivando fino ai giorni nostri. E
l’ingresso del Sefer Torah di oggi è la dimostrazione che questo
percorso non si è interrotto. "Quello di oggi per questa comunità non
deve essere un punto di arrivo ma un punto di partenza", ha sottolineato
rav Bahbout ricordando anche come "questo Sefer Torah rappresenta il
collegamento con tutto il popolo ebraico". Una gioia, dipinta sui volti
dei sannicandresi mentre il Sefer veniva portato tra le vie cittadine,
ma anche una responsabilità per il futuro. "Questo non è il primo Sefer
di questa città – ha affermato il presidente di Shavei Israel Freund –
il primo è stato Donato Manduzio perché ciascun ebreo rappresenta un
Sefer Torah vivente e voi siete la sua eredità". Raccolto il testimone,
la comunità pugliese guarda avanti. "Quella scritta oggi è un’altra
pagina del diario di Donato – ha spiegato Grazia Gualano, spina dorsale
della realtà di San Nicandro, raccontata in un libro di John A. Davis
per Giuntina – e continueremo a scriverne altre. Grazie a tutti voi di
essere qui e all’aiuto dei presenti e non per quanto è stato fatto
finora". "Questa comunità è un’insegnamento per tutti noi – ha affermato
Gadi Piperno – dove si legge la Torah c’è l’ebraismo". A fare gli onori
di casa per San Nicandro il sindaco Pier Paolo Gualano, che si è detto
onorato di poter ospitare una tradizione così forte e significativa
nella città. "Vorrei riprendere il sindaco – ha detto bonariamente rav
Birnbaum – quando afferma che questa comunità è piccola, perché
ricordiamoci che non è importante la quantità ma la qualità e questa
storia ne è la testimonianza".

sannicandro.org – Ondaradio Red. Sannicandro 


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright