The news is by your side.

Regione, legge elettorale col freno

14

Rebus sul premio di maggioranza. Introna: “aspettiamo la Consulta”.

 

Sarà la provincia di Bari a recitare la parte del leone: conquisterebbe il 30 per cento dei seggi all’interno della nuova assemblea regionale. Quella che vedrà in scena non più di cinquanta consiglieri (sono settanta), destinati a es­sere eletti nel 2015 attraverso una legge elettorale da rivedere e correggere dopo il taglio di venti parlamentari local. C’è già una bozza, messa a punto da un gruppo di lavoro organizzato dal presidente del consiglio pu­gliese Onofrio Introna. Ma «non abbiamo tempi stringati»: come stanno le cose «l’iter risulta rallentato» spiega lo stesso Introna «perché siamo in attesa di conoscere gli indi­rizzi della Corte costituzionale» a proposito di quanto dovrà es­sere ampio il premio di maggio­ranza per la coalizione vincen­te. Nel brogliaccio predisposto a via Capruzzi, si stabilisce un bonus del 20 per cento. «La ra­gione è semplice: dobbiamo garantire la governabilità, sen­za penalizzare l’alleanza per­dente».


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright