The news is by your side.

Peschici/ Al via i lavori al canale di Kalena

12

Lo ha deciso il sindaco con un’apposita ordinanza, anche per salvaguardare l’incolumità pubblica.

 

Per il canale di Calena, posto nella piana valliva di Peschici in omonima località, è tempo di messa in sicurezza idrau­lica. Lo ha deciso il sindaco Franco Tavaglione con una apposita ordinanza, emanata al fine prioritario di eliminare i gravi pericoli che incombono sull’incolumità pubbli­ca e privata. Si legge infatti nel documento a firma del primo cit­tadino che "a seguito dell’evento piovoso di particolare intensità ac­caduto il l° dicembre 2013, si è ve­rificato, oltre all’ulteriore ingente trasporto all’interno del canale di materiali lapideì di svariata natura, anche e soprattutto un aggra­vamento del fenomeno erosivo già in atto, che ha portato allo smot­tamento della vecchia strada comu­nale costeggiante il canale. Ciò ha posto condizioni tali da non garantire la dovuta sicurezza idraulica in ordine al regolare deflusso delle ac­que in caso di eventi piovosi di par­ticolare intensità, anche in consi­derazione dell’enorme bacino po­sto a monte" Va perciò rimarcato in proposito che tale circostanza è causata principalmente dalla asso­luta inadeguatezza dell’infrastruttura idraulica, nonché dalla totale carenza di manutenzione e pulizia degli alvei, determinata dalla so­pravvenuta insussistenza di fondi regionali un tempo costantemente disponibili, con cadenza annuale, atti quantomeno a garantire il pre­lievo ed il trasporto in altri luoghi del materiale inerte ingombrante il letto del canale. L’ordinanza sin­dacale mira a risolvere la grave situazione all’attualità esistente all’interno del canale di Calena con la esecuzione dei lavori di messa in sicurezza consistenti nel prelievo di materiali lapidei sul letto del canale fino ad un massimo di cin­quemila metri cubie nonché il suc­cessivo trasporto in luoghi auto­rizzati, oltre al rinforzo degli argini sottostanti gli smottamenti strada­li con i materiali recuperati in loco, il tutto nella piena osservanza delle normative in materia di sicurezza. il prelievo del materiale dovrà av­venire esclusivamente laddove gli argini del canale risultano realiz­zati con pareti a scogliera. Inoltre all’impresa esecutrice dei lavori (a tal proposito il Comune a mezzo di avviso pubblico ha avviato una ap­posita indagine conoscitiva tesa all’individuazione di impresa qua­lificata ed immediatamente dispo­nibile ad eseguire i lavori di ri­pristino di cui ha bisogno il canale) non sarà riconosciuto alcun com­penso in quanto la stessa potrà di­sporre dei materiali rinvenienti dal prelievo ai fini di una loro riuti­lizzazione.

Francesco Trotta
 


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright