The news is by your side.

La Bocconi studia le potenzialità del Gino Lisa

17

Insediato un “focus group" con gli albergatori. L’iniziativa è della Camera di Commercio.

 

Ci proverà anche la Bocconi a far muovere le ambizioni del Gino Lisa. La prestigiosa università lombarda è stata coinvolta dalla Camera di Com­mercio in un progetto che definirà su basi scientifiche le potenzialità di traf­fico dello scalo di viale Aviatori sia sul piano turistico, sfruttando l’enorme bacino del Gargano che dell’inesplorato hinterland forte di oltre 1. milione di residenti. Il presidente dell’ente came­rale, Fabio Porreca, aveva già reso noti alcuni dati molto interessanti a proposito del ruolo del "Lisa” se opportuna­mente potenziato, soprattutto alla luce delle ragioni che oggi lo escludono dal nuovo piano nazionale degli aeroporti presentato dal governo (anche se non ancora definitivo). Lo scalo foggiano, in particolare, viene messo a confronto con altri scali simili (vengono citati gli esempi di Crotone e Cuneo) che pur distanti meno di cento chilometri dagli hub di riferimento di Reggio Calabria e Torino non vengono "retrocessi" dal governo. Al contrario di quanto accade invece per il Gino Lisa «vicino a Bari». Ma non è sol­tanto un’obiezione di natura logistica. Oggi quello studio viene ulteriormente sostenuto con altri dati oggettivi: il prof. Baccelli vice direttore del Certet (il centro studi trasporti della Bocconi: ndr) ha incontrato a Foggia gli operatori turistici per mettere a punto un «focus group» in grado di valutare le tratte mi­gliori e le capacità di incoming del territorio. «All’incontro – sottolinea Por­reca – c’erano albergatori titolari di strutture con oltre 100 stanze e tour operator proprio al fine di caratterizzare lo studio di contenuti. Tra un paio di settimane ritengo che i docenti della Bocconi completeranno la loro analisi che noi renderemo pubblica. Si tratta di uno studio unico – conclu­de Porreca – il focus group è uno strumento che ci consentirà di confron­tarci con Regione e Adp  per gestire tratte e attrarre i vettori. Ai vettori, forniremo elementi di incentivazione per dare loro motivazioni utili per operare su Foggia». 


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright