The news is by your side.

Vieste/ Passerella sul Faro, continuano i lavori

14

Il Ministero va avanti nonostante l’indignazione popolare.

 

 La voce del popolo sembra non contare nulla. Nonostante l’indignazione generale, di residenti ed estimatori delle bel­lezze di Vieste, i lavori di realizzazione della "passerella" sul faro di Vieste, voluta dal ministero delle infrastrutture, sono ripresi a gran ritmo e sono quasi in fase di completamento. Lo scempio di uno dei simboli storici e turistici di Vieste, vale a dire l’isolotto di santa Eugenia ove sorge il faro della marina militare, rimarrà tale a sentir dire della autorità che ne hanno permesso l’esecuzione. «Quella passerella si deve fare e basta». A nulla sono valse le vivaci proteste dei cittadini, la raccolta di firme, il momentaneo blocco dei lavori da parte del comune che ha chiesto anche un incontro col ministro Lupi. L’iter burocratico ha seguito il suo corso e, dunque, tutto è regolare. Lo ha ribadito anche il governo, rispondendo ad una interrogazione parlamentare presentata in merito dall’on. Michele Bordo sollecitato in merito dai rappresentanti del Pd locale. Per lo Stato, e la marina militare, quella passerella è importante perché serve alla messa in sicurezza del personale (a dire il vero l’unico farista rimasto in attività) adibito al funzionamento della "lanterna". Sacro­santa considerazione, se non fosse per il fatto che così come progettata e realizzata, quella struttu­ra, in acciaio e legno, stride fortemente con l’ambiente naturale, per la sua collocazione e lunghezza. Anche per questo si sten­ta a credere che la soprin­tendenza i beni ambientali abbia dato con tanta facilità il parere positivo, atteso che per interventi decisamente meno impattanti il diniego è quasi sempre certo. Pur riconoscendo la necessità di mettere in sicurezza il personale, ciò che sta facendo arrabbiare tantissimo la popolazione è che sono state prospettate soluzioni alternative, decisamente più consone all’ambiente e me­no costose. Ma queste, a quanto pare, non sono state prese nemmeno in considerazio­ne. E’ probabile che ministero ed. altri enti preposti, non abbiano ‘compreso il valore storico, paesaggistico ed affettivo di quell’isolotto, rilasciando forse con troppa facilità i relativi pareri di competenza. Concetto, questo, che viene ribadito anche dalla consigliera comunale di opposizione, Anna­maria Giuffreda, che, tra l’altro, ha pro­mosso una raccolta di firme, «Ogni burocrate ha inferto una pugnalata all’isolotto del faro, ognuno per ciò che gli competeva – sostiene Giuffreda -. Dal primo burocrate che ha ri­chiesto la passerella di camminamento, all’ingegnere che l’ha progettata, fino a chi ha rilasciato le autorizzazioni paesaggisti­che, ambientali e urbanistiche. L’Isolotto del faro ed il progetto della passerella sono pas­sati di scrivania in scrivania e ciascun bu­rocrate ha apposto il proprio sigillo sul delitto che si stava perpetuando.  A nessun burocrate è venuto in mente di verificare che "’cosa si stava producendo». La Giuffreda, poi, aggiunge: “continueremo la nostra battaglia”.

Gianni Sollitto 


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright