The news is by your side.

Rep.della Tua Città/ E se la passerella inaugurasse un dialogo tra l’isolotto e la città?

10

Sembrava alquanto strano, che il Re delle interrogazioni fasulle e demagogiche, Consigliere Regionale Gatta, non intervenisse nella vicenda della “Passerella sicurezza” sull’isolotto del Faro di Vieste.

 

Sono sempre più convinto che trattasi solo di una battaglia di  principio, politicamente miope, che prende  a prestito una fantomatica rivolta popolare ed un presunto sfregio ambientale.
Sostengo al contrario, e sia il pensiero dei più, specie adesso che la passerella è quasi completata ed immaginandola illuminata, si presenti come un’opera bellissima oltre che utile alla sicurezza per chi ci lavora, fosse anche una sola persona, e che emanando segnali di vitalità inaugura l’inizio di un dialogo tra l’isolotto e la città.

Forse è giunto il momento, per noi Viestani, di cominciare ad amare ed apprezzare la nostra città, interpretando ogni intervento come elemento di crescita, che non va a tutti i costi denigrato e demolito a seconda dei gusti personali, che sfociano quasi sempre in facili strumentalizzazioni. Dovremmo quindi prendere coscienza che la nostra è la città più invidiata, per la sua bellezza, vivibilità e per il suo carisma, da tutta la Capitanata e forse da tutta la Puglia, ed ammirata dai tanti ospiti, specialmente stranieri, che sin dal primo sole di Aprile sono già così numerosi.
Certo i problemi non mancano, specie quelli della quotidianità, ma non scalfiscono minimamente l’appeal della nostra Vieste.
Ai tromboni dei luoghi comuni, che per becero calcolo politico, si affannano a descrivere una città in preda a, non si capisce bene, quale degrado, consiglio di prendere atto che il loro qualunquismo e disfattismo è stato sconfitto nei fatti.

A. Solitro 


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright