The news is by your side.

Vico – Il leccio patriarca del convento dei Cappuccini

10

 

Ogni tanto bisogna pettinare e ordinare la chioma, alleggerire e ripulire la maestosa cupola di sempreverde che dall’alto dei suoi 20 metri troneggia e regala ombra da 400 anni, è il leccio di fra Nicola.

Uno dei tesori naturalistici di Vico del Gargano, meta di tanti visitatori, sosta rituale delle confraternite nel tradizionale venerdì santo, posto davanti al convento dei Cappuccini. Un simbolo del paese, un monumento della natura, dipinto e fotografato come il Colosseo a Roma. Si avvicina la potatura: un lavoro maniacale, accurato, fatto da mani esperte che solo potatori di lungo corso possono fare con meticolosa pazienza. Si tratta di un albero monumentale, ma sempre monumento, come la Pietà di Michelangelo e la Cappella Sistina. E’ il nostro patriarca “ Quercus ilex “ della macchia mediterranea. La potatura  dei lecci coinvolge e appassiona una sfera molto variegata di popolazione e non può essere affidata con leggerezza  ad alcuno, tanto meno a professionisti del settore che non siano compenetrati con questo mistico ed ancestrale rapporto, che affonda  le sue radici nell’altro affascinante patrimonio di cultura garganica: quello dell’ olivicoltura. Lecci ed ulivi sono il paesaggio prevalente e unico delle terre garganiche, quel paesaggio che tanto affascina visitatori, studiosi ed intellettuali. Un mondo che andrebbe indagato specie per le sue implicazioni di cultura rurale. La potatura del leccio di fra Nicola è una vera e propria cerimonia, una straordinaria commistione di passione, abilità, pazienza .
I potatori, come formiche laboriose ed esperte, salgono e scendono in uno spettacolo a cui vale la pena di assistere, lavorano in condizioni da sport estremo, con movimenti che ricordano una danza antica . Quest’albero incute timore, affrontarlo è la prova suprema del potatore, la laurea si può dire.
Quest’anno ci sarà una piccola premiazione alla carriera di due maestri potatori: Michele Iacovone e Nicola Della Vella, che  per diversi anni hanno affrontato la difficile prova accompagnando ed iniziando diverse generazioni di giovani al contatto col maestoso albero secolare.
“E ‘come domare un gigante capriccioso “ dichiara con una bella immagine Michele Iacovone.
“E’ bello trasmettere le nostre esperienze e il nostro mestiere alle nuove generazioni, attraverso la potatura di quest’albero speciale”aggiunge Nicola Della Vella.
I cenni storici raccontano di fra Nicola da Vico del Gargano, cappuccino, avendo trovato una piccola pianta di elce, vicino a un abbeveratoio, la trapiantò al centro del piazzale del convento facendola benedire dal padre guardiano. Non si conosce la data esatta del fatto, si sa, tuttavia, che fra Nicola morì nel 1719, in età avanzata. Si può dedurre quindi che il leccio abbia circa 3 secoli di vita. Il tronco misura quasi 5,05 metri di circonferenza e la chioma ha raggiunto più volte i 50 metri.
Nel 1934, a causa della neve e di una forte tempesta, cadde un grosso ramo, che lasciò un ampio vuoto tuttora visibile. Fu allora necessario imbrigliare i rami con grossi tiranti di ferro. L’amministrazione comunale, allo scopo di salvaguardare per il futuro questo esemplare unico, nell’ottobre del 1995, avvalendosi della consulenza del prof. Alessandro Chiusoli dell’Università di Bologna, provvedeva a nuova sistemazione. Un rapporto antico quello tra Gargano ed i lecci, il promontorio ne ha una vastissima presenza, molte delle cittadine lo hanno addirittura adottato come  arredo urbano.
Vico del Gargano, in particolare, ne ha una diffusa presenza lungo le sue strade, ma l’aspetto che più sorprende è il rapporto dei suoi cittadini con la manutenzione di queste piante. Vico detiene una specificità nel campo della tutela e del rispetto degli alberi. L’approccio alla cura delle piante risulta essere  molto singolare e degno di interesse: l’approccio estetico, il senso dell’armonia e delle proporzioni, l’attenzione al bello rappresenta una unicità che andrebbe valorizzata .
Una sapienza che si è trasmessa nei secoli codificata e tramandata, una sapienza che si sta inesorabilmente perdendo nella voragine delle semplificazioni della modernità. Va rilevata in questo senso il percorso intrapreso da un gruppo di giovani agricoltori riuniti in cooperativa che da diverso tempo sta provando a  sensibilizzare gli operatori culturali sul tema  della “tipicità” della potatura di Vico del Gargano  “Essere potatori a Vico significava appartenere ad una casta, qualcosa come essere depositari di un sapere oracolare”, ricorda Giuseppe Aguiari, presidente della cooperativa. L’elevato valore ecologico del leccio del convento dei Cappuccini e la sua storia secolare si accompagna al valore culturale di simboleggiare eventi storici, identita’ territoriali, leggende, fatti riguardanti il territorio di Vico del Gargano. Da tutto questo nasce la cura, ci sarebbe da dire l’affetto, verso il leccio patriarca di fra Nicola.
Michele Angelicchio


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright