The news is by your side.

Basket Serie D/ La Bisanum scivola a Galatina

13

Magic Galatina – Bisanum Viaggi Vieste      77 – 76

 

A vederla così potrebbe sembrare  una rivisitazione cestistica del mitico racconto di ”Davide e Golia” ,ma analizzando il corso della partita e la fatalità degli avvenimenti possiamo anche dire che poi così impossibile il risultato finale non è.
Infatti la Bisanum Viaggi,  già vittima dell’assenza del suo primo marcatore Neal, tormentato da una tallonite  e convocato a Galatina solo per marcare firma , durante il riscaldamento pre-partita si vede costretta a fare a meno anche  del  lungo Texano  Mosley , per il riacutizzarsi del dolore post distorsione subita in quel di Monopoli .Se poi a tutto questo si aggiunge anche la pessima direzione di gara del duo arbitrale , che ha la massima espressione dell’incompetenza quando sul 76 pari a cronometro ormai fermo  regala 2 tiri liberi ai locali, è difficile per la cenerentola del campionato di serie D farsi scappare l’occasione di regalarsi l’emozione della vittoria contro la prima della classe … ed ecco che puo’ avvenire lo ” Pseudo Miracolo ”.
Cronaca:
La Sunshine falcidata dagli infortuni parte con il quintetto Lauriola, Monacis ,Manfredi, Ciccone e Devita, quintetto che verrà utilizzato quasi per tutta la gara viste le defezione del duo americano e la panchina composta da dai under 17 e un under 19 . Per cercare di salvaguardare le energie dei piu’ esperti per i primi due quarti i garganici si schierano a zona ma la particolare giornata di grazia dei vari Scalese , Jan , Carachino e Giaffreda dalla linea dei 3 punti e la tardiva difesa viestana collaborano a far restare in gara la squadra leccese fino all’intervallo lungo, sul punteggio di 37 pari .Punteggio sintomatico della scarsa applicazione difensiva di entrambi le squadre.
Dopo l’intervallo lungo coach Desantis decide di mandare a uomo i suoi, richiamandoli all’attenzione difensiva e alla responsabilizzazione personale, chiedendo alla squadra ( 5 titolari )  un dispendio maggiore di energie pur di cercare l’allungo decisivo.
Nell’immediato questa tecnica porta i suoi frutti infatti Monacis ( il migliore tra i suoi )  e compagni, riescono ad allungare fino al + 11, ma quando tutto sembra andare nel verso giusto e si inizia le turnazioni con la panchina viestana, coach Serra ha l’intuizione giusta  e approfittando della stanchezza degli ospiti e della presenza sul parquet dei giovanissimi garganici ingabbia l’attacco viestano con una zon-press a tutto campo e con raddoppi sistematici in difesa , innescando una moltitudine di palle recuperate e facili contropiedi . Nonostante i due time-out chiamati dalla panchina viestana il recupero si concretizza facilmente visti anche i falli ingenui degli ormai stremati giocatori viestani che nonostante tutto riescono con i tiri liberi a fissare il punteggio sul 76  pari a 7 secondi dalla fine  e con palla in mano ai locali.
Ed è a questo punto che si concretizza l’incredibile, infatti il duo arbitrale , già approssimativo in diverse scelte nei confronti di entrambe le squadre  e spesso in disaccordo tra di loro durante le decisioni, si regala l’insufficienza a pieni voti quando durante l’ultima azione del Galatina terminata con un tiro velleitario oltre la sirena di fine partita ,(che non scalfisce neanche il ferro dei garganici) , si avverte un fischio che indica  due giocatori ormai a terra, caduti in contemporanea dopo una serie di spinte e abbracci da parte di entrambi  ( nello specifico Manfredi per il Vieste e Caggiula per il Galatina ) , nel silenzio glaciale del palazzetto dove nessuno dei numerosi tifosi e dei tesserati nelle rispettive panchine riesce a capire ai danni di chi puo’ essere quel fischio inaudito, ecco che arriva la timida sentenza con un filo di voce dell’arbitro che assegna il fallo al 13 viestano dando conseguentemente i 2 liberi al 12 in maglia gialla.
Nell’incredulità della panchina della Bisanum  e l’entusiasmo liberatorio dei  giocatori leccesi e dei numerosi tifosi locali ,tutti i giocatori ospiti e l’allenatore cercano di chiedere spiegazioni all’arbitro in questione il quale giustifica la sua decisione ( se così la si puo’ definire),  dicendo di aver punito chi aveva iniziato il fallo tra i due. Negli animi agitati delle fila del Vieste tutti si chiedono a questo punto quando sia iniziato il fallo, fischiato realmente  dopo la sirena finale. Gli arbitri dopo alcuni secondi di tentennamento riazzerano ”arbitrariamente”  il cronometro con un 1  misero secondo a disposizione dopo i liberi per l’azione successiva. Sancendo così oltre al danno anche  la beffa per i gli ospiti.
 A seguire ad onor di  cronaca ,di una partita decisa da un episodio molto dubbio, dice che dalla lunetta Caggiula fa 1 su 2 regalando la vittoria ai suoi e con il secondo successivo a disposizione, il Vieste riesce a malapena a fare il passaggio dalla rimessa prima di effettuare un tiro senza esito sulla sirena finale , ascoltata da tutti per la seconda volta nella stessa partita.
Aldilà del rammarico di non essere riusciti a portare a casa la partita contro l’ultima in classifica, complici gli infortuni e  la stanchezza dei pochi che hanno giocato  tra le fila della Sunshine, c’è la forte delusione di una scelta molto dubbia e che sicuramente altri arbitri avrebbero interpretato  in maniera diversa.
Prendiamo atto, complimentandoci con la squadra leccese che ha dimostrato coraggio e abnegazione in piu’ momenti , a differenza nostra che nonostante tutto  avremmo dovuto ,con le unghia e con i denti,  cercare di vincere  la partita per continuare a sperare, … Purtroppo non l’abbiamo fatto.
Questa sconfitta ha sancito la fine della speranza viestane  in un passo falso dell’Altamura, che invece si è imposta a Bari portandosi a pari punti  e  che dopo Pasqua mentre noi riposeremo, l’Altamura vincendo in casa contro il San Pietro Vernotico (26 aprile ) potrebbe guadagnare  il passaggio in serie C con un turno di anticipo .
Intanto dopo questa lavata di testa la Bisanum Viaggi dovrà approfittare della pausa Pasquale per rimettere su gli infortunati ( in forte dubbio anche  per l’all Star game)  e cercare di ritrovare le energie fisiche e nervose in vista dei playoff di maggio, così da poter provare a  realizzare quello che per la giovane pallacanestro  viestana sarebbe un vero e proprio sogno . Il Passaggio in serie C.

PARZIALI:  18-19 / 31-31 / 55-61 / 76 -77.

TABELLINI: Monacis 17, Ciccone 19, Manfredi 15, Devita 15, Lauriola 9, Neal, Roia, Vecera, Vescera , Mosley.

Classifica

Libertas Basket Altamura46

BISANUM VIAGGI VIESTE46

Mesagne40

Ap Monopoli36

Pallacanestro Lecce30

Action New Monopoli30

San Pietro Vernotico26

Aurora Brindisi24

Bulls Bari24

Calimera22

Junior Brindisi20

Anspi Santa Rita Taranto18

Basket School Martina12

Magic Galatina8

Olympia Rutigliano8


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright