The news is by your side.

Sblocca Italia, in Puglia 11 opere Bari guida le richieste dei sindaci

11

Cantieri fermi molto più numerosi di quelli censiti, pronta la lista.

 

La Puglia è pronta a presentare un corposo elenco di richieste al premier Matteo Renzi per riavviare immediatamente tutti i cantieri inchiodati al palo da 30/40 anni. Non si sono fatti trovare impreparati i sindaci pugliesi (ai quali viene chiesto di esprimersi entro 15 giorni) dall’annuncio del provvedi­mento «sblocca-Italia», che dovrebbe essere varato entro luglio e avere effetto immediato. Intanto, sono ben undici in Puglia le grandi opere censite dal Nimby forum (associazione no profit) che non è stato possibile portare a termine per controversie legali, proteste o per la caduta di interesse da parte del propo­nente e riportate nella scheda accanto. Insieme a questi siti, restano ancora nel libro dei sogni L’Alta capacità Bari-Napoli, citata an­che dal premier Renzi da realizzare a breve, e il raddoppio della dorsale adriatica fra Lesina e Termoli. Anche se, nelle ultime ore, si registrano novità. Spiega l’assessore regiona­le ai Trasporti, Gianni Giannini: «Per la dorsale c’è stata una accelerazione del ministero, nonostante il parere contrario del Molise e il provvedimen­to a fine mese torna al Cipe. E per la Bari-Napoli, il ministro Lupi ci ha co­municato proprio l’altro giorno che gli uffici stanno lavorando al supera­mento degli intoppi burocratici». Dal canto loro, i sindaci delle gran­di città sono già pronti a tirar fuori dai cassetti i progetti bloccati. Per Ba­ri spiega Michele Emiliano, restano da completare: «Il teatro Margherita sul quale c’è un progetto dell’archi­star David Chipperfield; il completa­mento della colmata di Marisabella, anche se la competenza è dell’Autori­tà portuale; il rifacimento di via Spa­rano, il Central Park nell’ex caserma Rossani». A Brindisi, Mimmo Consales chiede che «il Governo intanto restituisca i soldi versati dagli imprenditori per la bonifica del sito di interesse nazionale della zona industriale: 57 milioni di euro tuttora’ora trattenuti dal Te­soro. A questi, dovrà aggiungere qualche altro centinaio di milioni come per Mestre e Taranto». Poi ci sono le servitù militari che imbalsa­mano la città, a partire dai depositi di carburante vuoti da 40 anni al Seno di Levante, all’Arsenale, al Castello alfonsino (di competenza della Sovrintendenza) che la città è pron­ta a gestire destinandolo in parte alla fruizione pubblica e in parte lanciando una manifestazione di interesse nazionale ai grandi gruppi turistici. A sorpresa, invece, Foggia e Lecce – per bocca dei rispettivi sindaci, Gianni Mongelli e Paolo Perrone – non hanno cantieri bloccati. Il sindaco di Barletta, Pasquale Cascella, è pronto a mettere sul tavolo «il completamento del progetto dell’ex distille­ria come il futuro polo culturale di aggancio fra città nuova e vec­chia». Luigi Riserbato, a Trani, pensa al parcheggio sotterraneo di via XX settembre «inutilizzato perchè mancano i lavori di adeguamento». E Nicola Giorgino, ad Andria, punta «sull’area polifunzio­nale di via Bisceglie». A Taranto, invece, il sindaco promette di pensarci già da stamane con una riunione con gli uffici tecnici.

Lorena Saracino 


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright