The news is by your side.

Asl/ Antro l’estate- 500 assunzioni

218

Puglia: via alle procedure con 4 mesi di anticipo. Non sarà necessario aspettare il deposito formale dei bilanci: selezioni a settembre.

 

I nuovi concorsi nel­le Asl pugliesi. verranno ban­diti entro l’estate e si svolge­ranno a partire dalla prima set­timana di settembre: riguarde­ranno non meno di 500 unità soprattutto medici. Il direttore dell’assessorato alla Salute Vincenzo Pomo, ieri mattina era al ministero dell’Economia dove ha ottenuto il via libera alla «scorciatoia» richiesta dall’assessore Elena Gentile: in termini di tempo si traduce in un risparmio di almeno 4 mesi rispetto alle procedure ordinarie. Tra 2012 e 2013 la spesa per il personale sanitario (che vale grossomodo 2 miliardi) è scesa tra i 30 ed i 50 milioni. È questo il tesoretto che alimenterà la seconda tranche di nuove as­sunzioni. La prassi prevede che il ministero conceda l’ok all’avvio delle procedure di reclu­tamento dopo la presentazione del bilancio consolidato, pre­vista in luglio: tra pubblicazio­ne bandi e procedure selettive, avrebbe significato rinviare le assunzioni a febbraio-marzo 2015. A fronte di numeri sicu­ramente in miglioramento (si tratta solo di determinare la cifra definitiva, che comunque sarà più bassa dei 100 milioni ipotizzati alcune settimane fa), il ministero ha autorizzato la Regione a partire’ subito, salvo poi stabilire in corso, d’opera il numero preciso delle unità da assumere: le graduatorie infatti varranno, 2 anni. In lista d’attesa ci sono tra l’altro una quarantina di di­rettori di unità operativa (i primari), necessari a far- partire reparti o dipartimenti di nuova istituzione (ad esempio Alta­mura ma anche Casarano). Ci sono casi di strutture comple­tate ma non ancora aperte per mancanza di personale, non soltanto di medici: e infatti nell’elenco ci sono infermieri, fisioterapisti, tecnici di ed ausiliari. Tra le Asl che recla­mano le deroghe a voce più forte c’è quella di Lecce, che nella prima fase (700 assunzioni) ha ritenuto di essere stata penalizzata nella ripartizione dei posti. Il piano straordinario di reclutamento per la sanità pre­vede circa 2.400 nuove immis­sioni in ruolo, da spalmare sulla base delle effettive necessità e soprattutto partendo dalle Asl più penalizzate. Quelle già ef­fettuate o comunque in corso sono circa 1.200. La nuova fase concorsuale ne dovrebbe sbloc­care, come detto, circa 500, ma se i risparmi saranno più alti si potrà arrivare anche a 700. Tut­to il resto verrà effettuato per step, man mano che mature­ranno i risparmi e verranno ottenute le deroghe da parte del ministero. Metà del fabbiso­gno, peraltro, deve essere co­perto attingendo dalle liste di mobilità.  


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright