Menu Chiudi

Vico/ Sanitaservice ingloba anche 52 dipendenti della coop

Soddisfazione dei sindacati.

 

I sindacati Fp-Cgil e Fp-Cisl (con i delegati Zinno, D’Alessandro, Ricucci e Cisternino) commentano con soddisfazione la de­libera della Asl di Foggia di internalizzazione di una serie di operatori del settore sanitario di Vico del Gargano; Vieste e San Nicandro che comporterà – dicono dalle organizzazioni sindacali – il passaggio dei circa 52 dipendenti del servizio di assistenza infermieristica, ausiliariato é somministrazione dei pasti, nella Sanitaservice, «E’ appena il caso di ricordare il lungo travaglio di questi lavoratori con la precedente cooperativa Css di Isernia, prima aggiudicataria dell’appalto; infatti, dopo varie ini­ziative e vertenze congiunte fu sottoscritto un accordo in prefettura,tra organizzazioni sindacali e cooperativa molisana» dicono dal sindacato «per la liquidazione delle mensilità arretrate dei dipen­denti, affinchè le somme versate dalla Asl alla coo­perativa andassero a garantire il regolare paga­mento degli stipendi». In quella occasione, prima della rescissione del contratto con l’Azienda sanitaria locale foggiana e l’affidamento transitorio del servizio alla seconda aggiudicataria, i lavoratori recuperarono tutto (mensilità arretrate, ferie, e trattamento di fine rapporto. «Adesso il traguardo del passaggio delle 52 unità lavorative alla Sanitaservice si è reso possibile dopo un lungo, responsabile, paziente e costruttivo confronto con i lavoratori e con un percorso» dicono dal sindacato «che ha rispettato con precisione l’im­pegno assunto dal direttore generale dell’ Asl Attilio Manfrini in occasione del termine ultimo (31 mag­gio 2014) del contratto stipulato fra l’azienda sa­nitaria dauna e consorzio Astir (consorzio coope­rative sociali). Va ricordato anche che. la Regione Puglia, con le recenti linee guida in materia di ”’criteri di organizzazione e gestione delle società strumentali alle attività delle aziende ed enti del servizio sanitario della Puglia", ha annoverato tali servizi tra quelli da autoprodurre direttamente dal­le aziende sanitarie attraverso proprie società e con affidamento in house providing». <<A nostro avviso» concludono i sindacati «si trat­ta di una importante e condivisa assunzione di responsabilità da parte del management dell’ Asl di Foggia, con l’obiettivo principale di garantire al cittadino un servizio stabile, efficace ed efficiente, così come dichiarato dal direttore generale: la buo­na sanità è frutto di valide strategie e condivisione e che non solo il "privato", ma anche il "pubblico" è in grado di assicurare prestazioni soddisfacenti, salvaguardando salute pubblica e lavoro».