The news is by your side.

Rignano Garganico, verso la chiusura del ghetto

10

E’ stata presentata  la campagna di comunicazione che accompagna il progetto “Capo Free Ghetto Off” relativo alla chiusura del Ghetto di Rignano Garganico. Da alcuni giorni, è on line il sito www.equapulia.it “La campagna – ha spiegato Minervini – parla alle catene della distribuzione ma soprattutto ai cittadini. E’ un invito al consumo critico. Perché solo grazie a una forte consapevolezza pubblica, a un’alleanza coi cittadini, si possono spingere quelle aziende che lo fanno, a non ricorrere più al lavoro nero. Per questo – continua Minervini – presentiamo qui oggi il bollino etico che verrà rilasciato a tutti quei soggetti che vanno dalla raccolta alla lavorazione, alla sua distribuzione, dimostreranno di non aver fatto ricorso al lavoro nero. Il nostro invito è che i consumatori pugliesi e non, scelgano quei prodotti che non sfruttano il lavoro nero e che non contribuiscono al mantenimento di situazioni quale quella di Rignano. Le modalità con cui si potrà ottenere il bollino etico, i soggetti che aderiranno all’iniziativa, verranno illustrati nei prossimi giorni, di concerto con l’Assessorato all’Agricoltura e allo Sviluppo Economico che stanno avendo un ruolo prezioso e importante nella riuscita di questo progetto. Il messaggio che vogliamo mandare – insiste Minervini – è che la Puglia non tollererà più certi fenomeni. Aiuteremo le aziende e i lavoratori che operano nella piena legalità e avremo tolleranza zero con chi invece continua a pensare che lo sfruttamento della disperazione è il modus operandi nella raccolta del pomodoro.”


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright