Menu Chiudi

Sannicandro/ Cursio ritorna in consiglio

Per un voto accolto il ricorso dal Consiglio di Stato a scapito di Pettellino. Un anno fa le elezioni amministrative.

 

Con la sen­tenza emessa dal Consiglio di Sta­to potrebbe definitivamente chiu­dersi la vicenda sulla correzione del verbale di proclamazione degli eletti tra la lista «Sannicandro 2.0» e quella del «Movimento Schit­tulli»: le elezioni amministrative nel centro garganico si sono svolte un anno fa. Si tratta dell’epilogo di una lun­ga vicenda con Michele Cursio che ritorna in consiglio comunale a scapito di Pettellino, ma si parla anche del rientro di Nico Vigi­lante nella giunta del sindaco Gualano. Alla lista «Sannicandro 2.0» in cui era candidato Pet­tellino, sono stati riconosciuti 32 (e non 33) voti nella sezione nu­mero 9, complessivamente ha ri­cevuto 293 e non 294 voti come erroneamente stabilito dalla sen­tenza del Tar. Il ricorso di Cursio al Consiglio di Stato è stato accolto in quanto a parità di voti conseguiti (293) la lista «Movimento Schittulli» pre­cede la lista «Sannicandro 2.0», avendo un numero d’ordine più basso (n. 15 la prima lista, n. 16 la seconda lista). Con la sentenza del Tar Puglia, a seguito di ricorso di Pettellino si dispose la correzione del verbale di proclamazione degli eletti attribuendo 294 voti alla lista « Sannicandro 2.0» e 293 voti alla lista «Movimento Schittulli», pro­clamando pertanto eletto Pettel­lino al posto di Cursio. Cursio propose a sua volta ricorso al Consiglio di Stato sostenendo che, attribuendo correttamente a Pettellino i soli 32 (e non 33) voti conseguiti nella sezione numero, entrambe le liste avrebbero ottenuto 293 voti, il che avrebbe determinato l’assegnazione del seggio al «Movimento Schittulli» quindi a Cursio) avendo tale lista un numero d’ordine minore ris­petto all’altra. Va rimarcato co­me Pettellino sostenesse che nella sezione n. 9 la lista «Sannicandro 2.0» aveva ottenuto 32 voti ed nel verbale di scrutinio venivano at­tribuiti alla stessa lista 16 voti, frutto di un errore di trascrizione nei verbali. All’esito della appo­sita verifica delle operazioni di voto svoltesi nella sezione n. 9, alla lista «Sannicandro 2.0» fu­rono attribuiti 33 voti validi in­vece dei 32 indicati e richiesti nel ricorso con conseguente attribu­zione alla stessa lista di com­plessivi 294 voti invece dei 293 indicati e richiesti nel ricorso. Il Tar Puglia accolse quindi il ri­corso riconoscendo al «Movimen­to Schittulli» 293 voti validi. Il Consiglio di Stato eccepisce il principio fondamentale della ne­cessaria corrispondenza tra chie­sto e pronunciato. Infatti, nel giudizio elettorale, il giudice am­ministrativo non può effettuare alcun ricalcolo non essendogli consentito di procedere autono­mamente alla correzione di tutti gli errori, ancorchè materiali che possano, emergere dal giudizio, non avendo l’originario ricorren­te proposto motivi aggiunti.

Antonio Villani

————————————————————————————————————–

 

Informazione Pubblicitaria

Un pasto senza vino è come un giorno senza sole….
per questo il Ristorante Il Capriccio, quello della gran cucina di LEO, t’invita a gustare i vini GAIA

Giovedì 19, unica tappa il Puglia, il grande incontro.
Non puoi mancare

O amato fanciullo, prendi le tazze variopinte, /perché il figlio di Zeus e di Semele /diede agli uomini il vino/ per dimenticare i dolori.. e assaggia Un GAIA

per info e prenotazione
Ristorante Il Capriccio
Località Porto Turistico – Vieste –
tel. 0884 707899 –
info@ilcapricciodivieste.it

…son passato da Il CAPRICCIO …e bevitor cortese sono rimasto…

——————————————————————–