The news is by your side.

Vico/ Aspettando Elena

7

Quale ruolo può giocare il Gargano in questa partita ora che ha messo la punta del piede in Europa attraverso l’elezione di Elena Gentile?

 

Bisogna aspettare l’avvio operativo della nuova Agenzia per la Coesione, che affiancherà le Regioni nella gestione dei fondi strutturali 20014- 2020, prevista per la fine di agosto, quando l’accordo di partenariato ci farà conoscere i nuovi programmi di investimenti. Tutti: Europa, Stato e Regioni auspicano di correggere ritardi, scelte e fondi poco, o per niente, utilizzati nella fallimentare gestione dei fondi strutturali 2007- 2013. Il sottosegretario Gaetano Delio, con delega a questo fiume di danaro è stato esplicito, abbandonando il politichese:” Siamo nella peggiore performance mai avuta dall’Italia, il 2007-2013 è stato il settennato peggiore…dobbiamo imparare dagli errori.”
Lo sviluppo che si aspetta oggi non passa certamente attraverso i corsi di parrucchiere ed estetiste, mentre l’ultimo dato ISTAT certifica una disoccupazione giovanile al 45,6% , la Corte dei Conti, in un capillare rapporto dello scorso febbraio, ha segnalato l’uso alla trullullà dei fondi europei.
La prova della scarsa fiducia che nutrono sulla bontà delle nostre scelte ci viene dal titolo eloquente del diffusissimo giornale tedesco Bild parlando della Sicilia:” Quì sprofondano i miliardi dell’Unione Europea “, solo la Croazia e la Romania fanno peggio di noi. Acqua passata.
L’Italia gestirà, per il periodo 2014- 2020, fondi europei per la politica di coesione, 32,8 miliardi di euro. Dotazione per finanziare una cinquantina di programmi operativi del Fondo sociale europeo
( Fse ) e Fondo per lo sviluppo regionale ( Fesr ) di cui 22,3 miliardi prenderanno la strada della Campania, Puglia, Basilicata, Molise e Calabria.
 “ La Puglia è pronta”, ha detto il Presidente della Regione Nichi Vendola, “Per noi è molto importante mettere insieme tre parole chiave: innovazione, sostenibilità, inclusione. Innovazione per noi significa non soltanto tecnologia o prodotti tecnologici, ma significa cambiare l’ambiente culturale delle imprese, delle aziende e degli attori della società. Sostenibilità significa capire che una crescita che violenta l’ambiente è una crescita suicida. Infine inclusione significa che il primo oggetto sul quale occorre concentrarsi è la povertà che torna con prepotenza ad essere una minaccia ai diritti delle persone e alla crescita economica”.
Quale ruolo può giocare il Gargano in questa partita ora che ha messo la punta del piede in Europa attraverso l’elezione di Elena Gentile? Abbiamo dato una veloce occhiata alle azioni, da realizzare con il sostegno del Fesr, agli obiettivi tematici, e con grande soddisfazione abbiamo constatato che sono un vestito cucito addosso ai nostri secolari ritardi strutturali: Preservare e proteggere l’ambiente e promuovere l’efficienza delle risorse attraverso: investimenti nel settore dei rifiuti; investimenti nel settore dell’acqua; la conservazione, la protezione, la promozione e lo sviluppo del patrimonio naturale e culturale;  la protezione e il ripristino della biodiversità, la protezione e il ripristino dei suoli e la promozione dei servizi per gli ecosistemi, compreso NATURA 2000 e le infrastrutture verdi; il miglioramento dell’ambiente urbano, il rilancio delle città, la riduzione dell’inquinamento atmosferico e la promozione di misure di riduzione dell’inquinamento acustico; la promozione di tecnologie innovative per migliorare la tutela dell’ambiente e l’efficienza delle risorse nel settore dei rifiuti, dell’acqua e della protezione del suolo o per ridurre l’inquinamento atmosferico; la promozione della crescita verde; migliorare la mobilità regionale, per mezzo del collegamento dei nodi secondari e terziari all’infrastruttura della TEN-T, compresi i nodi multimodali; sviluppare e migliorare sistemi di trasporto ecologici (anche a bassa rumorosità) e a bassa emissione di carbonio, tra cui vie navigabili interne e trasporti marittimi, porti, collegamenti multimodali e infrastrutture aeroportuali, al fine di favorire la mobilità regionale e locale sostenibile; sviluppare e ripristinare sistemi di trasporto ferroviario globali, di elevata qualità e interoperabili, promuovere l’efficienza energeticaa; promuovere un’occupazione sostenibile e di qualità e sostenere la mobilità dei lavoratori mediante: il sostegno allo sviluppo di incubatrici di imprese e a investimenti per i lavoratori autonomi e la creazione di imprese e di microimprese; il sostegno ad iniziative per lo sviluppo locale e aiuti a strutture che forniscono servizi di zona per creare nuovi posti di lavoro;  investimenti in infrastrutture per i servizi per l’impiego. Promuovere l’inclusione sociale e lottare contro la povertà e qualsiasi discriminazione mediante: investimenti nella infrastruttura sanitaria e sociale che contribuiscano allo sviluppo nazionale, regionale e locale, la riduzione delle disparità nelle condizioni sanitarie, la promozione dell’inclusione sociale attraverso un migliore accesso ai servizi sociali, culturali e ricreativi e il passaggio dai servizi istituzionali ai servizi locali; il sostegno alla rigenerazione fisica, economica e sociale delle comunità sfavorite nelle zone urbane e rurali; il sostegno a imprese sociali;  investimenti nell’ambito delle strategie di sviluppo locale di tipo partecipativo; Investire nell’istruzione, nella formazione e nella formazione professionale per la qualificazione professionale nonché nella formazione permanente, sviluppando l’infrastruttura scolastica e formativa. Potenziare la capacità istituzionale delle autorità pubbliche e dei soggetti interessati e l’efficienza delle pubbliche amministrazioni e dei servizi pubblici interessati dagli interventi del FESR, affiancando le azioni svolte a questo fine con il sostegno del FSE.
Certo, non si potrà avere tutto ma, il Gargano, primo polo turistico, con un’agricoltura ancora funzionale, i centri storici da salvaguardare, i santuari, le chiese, la costa da difendere, può giocare un ruolo importante nell’economia regionale. Quello che manca è una governance che ci aiuti a uscire dalla frammentazione e dispersione;  l’ultimo investimento fatto, è bene ricordarlo, risale agli anni settanta con le realizzazione della strada a scorrimento veloce, poi più nulla.

Michele Angelicchio

 

 

 ————————————————————————————————————–

 

Informazione Pubblicitaria

Un pasto senza vino è come un giorno senza sole….
per questo il Ristorante Il Capriccio, quello della gran cucina di LEO, t’invita a gustare i vini GAIA

Giovedì 19, unica tappa il Puglia, il grande incontro.
Non puoi mancare

O amato fanciullo, prendi le tazze variopinte, /perché il figlio di Zeus e di Semele /diede agli uomini il vino/ per dimenticare i dolori.. e assaggia Un GAIA

per info e prenotazione
Ristorante Il Capriccio
Località Porto Turistico – Vieste –
tel. 0884 707899 –
info@ilcapricciodivieste.it

…son passato da Il CAPRICCIO …e bevitor cortese sono rimasto…

——————————————————————–   


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright