Menu Chiudi

La cultura spinge la Puglia: nona per numero di imprese

Presentato al ministero il rapporto: quasi 23 mila le aziende, tante quelle giovani.

 

Aziende piccole e giovani con un fatturato di poco più di centomila euro l’anno. È il sistema impresa della cultura in Puglia. Il report an­nuale sullo stato di salute dell’industria creativa è stato presentato a Roma al ministero per i beni cul­turali e presenta un ampio focus sulla nostra regio­ne. L’unica, si legge nel rapporto "lo sono cultura 2014" curato da Fondazione Symbola e Unionca­mere, a essersi distinta nella definizione di politi­che distrettuali per la creatività e a essersi fatta ca­rico di "un importante sostegno agli startupper creativi". Un impegno degno di nota portato avan­ti dall’ assessorato alla cultura di Silvia Godelli che, però, deve fare i conti con la crisi economica. A tutto il 2013 le imprese creative registrate in Puglia sono 22.816 pari al 5, 1 % del totale naziona­le. Una buona performance se si guarda alla classi­fica nazionale: il tacco d’Italia è al nono posto tra le regioni per numero di aziende. Un risultato negati­vo se invece si fa il confronto con l’ anno precedente, il 2012, rispetto al quale si è registrata una fles­sione del 3 per cento di imprese con un calo di 661 unità. A lavorare nelle aziende creative dal Gargano al Sa­lento sono in 57mila, pari al 4, 1 % degli occupati a livel­lo nazionale. L’occupazione tiene ma diminuisce di 16 milioni di euro, circa l’ 1 % in meno rispetto al 2012, il fatturato. La media, per ogni impresa pugliese, è di cir­ca 105mila euro all’ anno contro una media nazionale di 168mila euro. Il sistema imprenditoriale è composito ma fragile: per ogni azienda ci sono circa 2,5 dipenden­ti (la media italiana è di 3,2 dipendenti per impresa). In Puglia, però, rispetto al Nord Italia trionfano i gio­vani: 1’8% delle imprese è under 35. Merito anche, met­te nero su bianco il dossier, del programma pugliese Bollenti Spiriti. Tra i progetti citati e lodati quello del Momart, l’ex-discoteca confiscata alla malavita e riconvertita in luogo di incubazione di compagnie di gio­vani artisti pugliesi. Il circuito culturale pugliese ha inoltre il merito di attivare una spesa turistica di 1 mi­liardo e 30milioni di euro in Puglia, il 3,9 % del totale nazionale.

——————————————————————

Informazione pubblicitaria/ PIANA DELLA BATTAGLIA

Tutti i venerdì CENA TIPICA PUGLIESE in compagnia del gruppo folk PIZZECHE E MUZZECHE
Scelta a piacere:
Menù tipico di carne 25 euro
Menù tipico di pesce 30 euro

Aperto tutti i giorni

Pizzeria a lievitazione naturale con forno a legno d’ulivo –

Nuova gestione – chef Leo Vescera –
Info e prenotazioni: 0884/ 270970 – 340/ 2187106

“La scoperta di un piatto nuovo è più preziosa per il nostro ospite che la scoperta di una nuova stella”

(Leo Vescera)

———————————————————————-