The news is by your side.

Intimidazioni ai politici locali, «In Puglia il numero più alto»

28

Maglia nera a Foggia. «Il fenomeno va portato all’attenzione del Governo»

 

«Esiste un caso Puglia che va portato all’attenzione del governo con particolare riferimento al territorio di Foggia». Lo ha detto la presidente della Commissione d’inchiesta del Senato sul fenomeno degli atti intimidatori agli amministratori locali, Doris Lo Moro, al termine della due giorni di audizioni nella prefettura di Bari con i rappresentanti delle forze dell’ordine, della magistratura e dei sindaci di alcuni comuni pugliesi. La Puglia è la regione che ultimamente ha fatto registrare il maggior numero di intimidazioni: 134 episodi nel 2013 e 47 nel primo semestre dell’anno.

Secondo i senatori, «l’illegalità diffusa», «la crisi economica», «l’eccessiva tendenza all’assistenzialismo», «aiutano e consentono il proliferare di questi attentati». «Si va delineando – sottolinea Lo Moro – la necessità di rimedi legislativi, circostanziando i reati in maniera più specifica, magari con la creazione di circostanze aggravanti per gli atti intimidatori ai pubblici amministratori e strumenti investigativi più adeguati». «Preoccupante – viene affermato dai membri della Commissione – la sottovalutazione del fenomeno che viene fatta dagli stessi amministratori vittime». Le intimidazioni più diffuse in Puglia sono gli incendi di autovetture «che appaiono come vere e proprie modalità di risoluzione dei contenziosi». «Qui in Puglia incendiare una macchina è un linguaggio ben preciso – rivela il vicepresidente della Commissione, Marcello Gualdani – che testimonia una situazione drammatica da far west di cui è già stato informato il ministro dell’Interno». Con riferimento alla situazione del foggiano, che con 40 casi nel 2013 e 19 nel 2014 è la prima provincia pugliese seguita da Bari e Bat (35 nel 2013 e 11 nel 2014), Brindisi (21 e 4), Lecce (21 e 10) e Taranto (17 e 3), i senatori sottolineano «il rischio che il radicamento dei fenomeni criminali nel tessuto sociale comprometta la tenuta democratica del territorio, privandolo della sua dignità». «Se si sottovaluta il caso Foggia – conclude Lo Moro – si rischia quello che è accaduto in Calabria con la ‘Ndrangheta. La Puglia non si imponga in Italia per la violenza, ma per le sue straordinarie bellezze».

———————————————————————


Informazione Pubblicitaria

Bolle di Sapone è il più grande e fornito drug-store di bellezza e igiene
presente a Vieste e sul Gargano e tra i più grandi dell’intera provincia di
Foggia.

Con un assortimento di oltre 25.000 referenze distribuite su una superficie
di circa 300 mq grazie alla specializzazione e alla profonda conoscenza del
settore, Bolle di Sapone è in grado di soddisfare qualsiasi esigenza legata
alla pulizia della casa, al lavaggio dei tessuti, alla profumazione degli
ambienti, all’igiene della persona, alla cura dei più piccoli.

All’avanguardia rispetto al mercato locale, Bolle di Sapone propone la più
grande varietà di prodotti, competenza e convenienza in un ambiente nuovo,
moderno ed accogliente.

Tutto il make-up, i profumi, le mode di tendenza e un universo ricco di
femminilità presente nei reparti di profumeria assistita.

Il meglio anche per la casa, tutta la freschezza e l’igiene per chi ama
circondarsi di pulito. Un’ampia gamma di prodotti a disposizione, le
migliori marche e le ultime novità spesso in anteprima e offerte sempre al
massimo della convenienza.

Bolle di Sapone è stato studiato per garantire un percorso dinamico e allo
stesso tempo armonico e spazioso. Grazie alla visibilità dei prodotti
esposti, al personale pronto ad aiutare in caso di necessità o a
consigliare, lo shopping sarà ancora più facile e rilassante.

Bolle di Sapone è a Vieste in via Dalla Chiesa, 12 (la strada per
raggiungere il superdiscount RD) ed è aperto tutti i giorni con l’orario
continuato dalle 08.00 alle 20.30 .

———————————————————————————————


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright