The news is by your side.

ViesteFilmFest, la città invasa da attori registi

17

Questa sera la presentazione dei corti girati nei giorni scorsi. Fino al 25 luglio la perla del gargano ospita proiezioni di film, incontri con cineasti. Si finisce con il Premio Carlo Nobile.

 

Così come l’aveva so­gnata Carlo Nobile; assessore al Turismo per diversi anni e già commissario dell’allora Azienda di soggiorno, Vieste è in questi giorni nuovamente «Città di ci­nema». Nell’aria si respira l’odore di celluloide (anche se tutto, ormai, è digitalizzato) e non di rado capita di imbattersi in un set o trovarsi di fronte attori, comparse, figuranti in procinto di realizzare uno dei tanti corti della «Fabbrica dei so­gni», preludio al «ViesteFilmFest» partito come si suol dire, col botto e apprezzato da ospiti e residenti. L’evento, di elevato spessore ar­tistico e culturale, sostenuto dall’Assessorato al turismo e cul­tura del Comune, patrocinato da Apulia Film Commission, e realizzato da Terry Abbattista, della Sol’Eventi, sta già caratterizzando l’estate viestana. Numerosi sono stati i personag­gi del mondo dello spettacolo ac­colti nella giornata inaugurale. Tra i primi ad arrivare, l’attrice Francesca Rettondini, madrina del festival che ha condotto con garbo ed eleganza il gala iniziale, allestito nell’anfiteatro Adriatico. La suggestiva cornice è stata letteralmente presa d’assalto dai tan­ti curiosi che hanno avuto l’op­portunità di conoscere, in ante­prima, i nomi dei grandi prota­gonisti del corposo cartellone del­la kermesse, lunga ben dieci gior­ni. Accolta dal calore e dall’en­tusiasmo del grande pubblico, l’at­trice Lucianna De Falco, la quale ha inaugurato, presso il castello svevo, la mostra su Anna Magnani «Ritratto di Anna», alla presenza del sindaco, Ersilia Nobile, e dell’assessore al Turismo, Nicola Rosiello, oltre che delle autorità della Marina militare, che hanno gentilmente concesso l’utilizzo dei propri spazi. Ancora applausi per i volti noti, questa volta degnamente rappre­sentati dal comico Marco Milano, rinomato come «Mandi Mandi» e per il riuscito personaggio del maestro di sci pugliese, che ha da­to un primo assaggio della comi­cità che sarà parte integrante del­le prime serate del festival. Tra i punti di forza di questi primi gior­ni il prologo con l’iniziativa «Porte aperte alla fabbrica dei sogni«, che prevede l’incursione di registi, attori e filmaker per le vie di Vieste, i quali stanno realizzando una serie di corti che verranno presentati stasera. I set sono stati allestiti sulla stupenda rotonda di Martina piccola, divenuta, ora, location della «Roma imperiale», del mitico Far West, e del suggestivo Medioevo. Mentre l’androne di quello che si spera presta possa essere il nuo­vo cinema «Adriatico», s’è trasfor­mato in sala trucco, parrucco, sar­toria, proprio come si conviene per la realizzazione di grandi film. E tutti possono assistere alla vane fasi delle lavorazioni. Ieri sera la presentazione del fìlm rivelazione dell’anno, «Vacanzieri, oggi e do­mani» di Fabio Massa e Lucio Cio­tola, che vede tra i protagonisti­Lucianna De Falco.

Gianni Sollitto


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright