The news is by your side.

Spiagge aperte a ottobre/ “Idea per gli stranieri più che per i pugliesi”

37

Introna: “sfruttiamo la destagionalizzazione”.

 

Il presidente del Consiglio regionale pugliese, Onofrio Introna, ritorna sulla sua proposta di tenere ombrelloni aperti a settembre e ottobre sulle spiagge pugliesi, per salvare un’estate difficile, a causa del meteo avverso e della crisi economica che falcidia i redditi degli italiani. «Ho verificato con compiacimento – sottolinea – che la mia ipotesi di allungare la stagione balneare ha aperto un utile dibattito sul sistema turistico balneare e sui problemi del settore». Sono però necessarie alcune precisazioni, secondo il presi­dente Introna, innanzitutto sul­l’obiettivo dell’intervento, che puntava intanto a mettere a di­sposizione degli stabilimenti balneari un periodo più ampio di apertura ufficiale. «Nel pro­porlo – dice – non pensavo a un semplice assenso alle richieste di deroga degli operatori inte­ressati, ma alla completa esten­sione a tutto settembre e anche ottobre delle garanzie di con­trollo dei bagnanti e delle acque. So bene che il turismo pu­gliese è già destagionalizzato, come ha fatto notare la collega Godelli (assessore re­gionale al Turismo, ndr), ma dobbiamo anche interrogarci su quanti se ne avvalgono e sugli effetti concreti». «Quando si chiede l’allungamento oltre i quattro mesi della stagione – conclude – si intende realizzarlo estendendo fino ad ottobre sulle spiagge anche il salvamento, i -presidi medici e i prelievi Arpa. E per questo che ho chiesto all’assessore al Demanio di verificare con l’Anci, le Capitanerie e le organizzazioni sindacali degli ope­ratori la fattibilità di un ampliamento concordato del periodo obbligatorio di apertura». Introna precisa anche che «la destagionalizzazione e il nuovo il progetto di allungare la stagione balneare si rivolgono al turista straniero più che ai bagnanti pu­gliesi». 


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright