The news is by your side.

Gargano: la mobilitazione del mondo politico di Capitanata

31

“L’eccezionalità e la gravità di quanto è accaduto impongono senza esitazione l’adozione di un Piano straordinario di finanziamenti per il Gargano”.  Lo dichiara Giannicola De Leonardis, consigliere regionale del Nuovo Centrodestra e presidente della VII Commissione Affari Istituzionali della Regione Puglia, che chiede “misure concrete, e soprattutto immediate, per sostenere l’agricoltura, il turismo, per garantire nuovamente viabilità e infrastrutture, per cercare di mettere in sicurezza il territorio, per ridare ossigeno all’economia e speranze a una popolazione per troppo tempo dimenticata” sottolinea. Per De Leonardis è il momento di agire. “Ma – sottolinea l’esponente NCD – non posso nascondere l’amarezza per i milioni di euro che il governo regionale ha distribuito a Consorzi di Bonifica commissariati e con pesanti passivi determinati per lo più per spese improduttive per il personale; milioni di euro che sono stati sottratti, data la coperta troppo corta, a Consorzi di Bonifica virtuosi che si sono visti penalizzati e hanno dovuto ridimensionare gli interventi per manutenzione e monitoraggio del territorio” continua. “L’auspicio è che di fronte a una tragedia di portata epocale si faccia un passo indietro rispetto agli errori del passato” la conclusione di De Leonardis.

Anche i Verdi di Puglia intervengono con un messaggio di solidarietà in merito alla terribile alluvione che ha colpito il Gargano.  “Subito fondi, un valido piano delle coste e lo stop al cemento per il  nostro amato Gargano”, è questa la prima dichiarazione del partito ambientalista. I co-portavoce regionali dei Verdi della Puglia, Anna Laura Maffei e Mimmo Lomelo, nell’esprimere la loro vicinanza a questa terra da sempre amata ed ammirata dagli ambientalisti, intendono sottolineare che si tratta di “una tragedia non semplicisticamente riconducibile al maltempo ma alla troppo disattenta politica di mitigazione del rischio idrogeologico in un territorio martoriato, ormai, ogni anno da tali disastri . L’area interessata, inoltre, ricade all’interno del Parco Nazionale del Gargano e, quindi, ancor più importante e prioritario per lo Stato è un monitoraggio al quale far seguire interventi mirati”. “Gli obiettivi urgenti ai quali punteranno i Verdi in Puglia saranno l’immediato riconoscimento dello stato di calamità naturale, per il quale sono già state riconosciute ampiamente le condizioni, e lo stanziamento di quei fondi di cui dispone la Regione Puglia  per sostenere i comuni negli interventi idrogeologici accompagnato da un valido piano delle coste, unico strumento per individuare le aree demaniali utilizzabili a fini turistici, e quindi balneari, e quelle caratterizzate da situazioni di pericolo, che possa consentire una verifica puntuale delle zone interessate da fenomeni di erosione costiera con lo scopo specifico di addivenire in tempi rapidi all’individuazione delle misure da adottare per la riduzione e /o la eliminazione dei fenomeni di pericolosità o di rischio”, concludono Maffei e Lomelo.


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright