Menu Chiudi

Alluvione Gargano/ La resa dei conti (3)

 Godelli: "stagione turistica avanti". La Regione vuol presentare nuove iniziative. «L’alluvione ha risparmiato località di rilievo, ripartiamo». PugliaPromozione: vicini a turisti e operatori, via al rilancio.
Dopo la calamità si contano i danni. Ingentissimi sotto il profilo infrastrutturale, delle perdite in campo agricolo, anche al capitolo dell’economia creata dalle imprese turistiche: la prima industria del Gargano. «I pesantissimi danni determinati dalle alluvioni di questi giorni ci vedono vicini e solidali con i turisti presenti in Gargano, con gli operatori, con le popolazioni delle zone colpite e soprattutto con i familiari delle persone scomparse. Un evento traumatico che ha peraltro interrotto la brillante stagione turistica che quest’anno ha visto ottimi risultati nelle principali località del promontorio, con un incremento di ben il 14% di turisti stranieri» sottolineano in una nota congiunta l’assessore regionale al Turismo, Silvia Godelli, e il direttore di PugliaPromozione, Giancarlo Piccirillo.

«Una stagione turistica che però può e deve continuare – sottolineano i due – anche in questi giorni nelle località garganiche risparmiate dalle piogge, da Manfredonia a Mattinata a Vieste a Tremiti, dove le splendide spiagge non sono state danneggiate e dove i turisti potranno permanere senza rischi. Per il Gargano il turismo rappresenta una parte importante della economia locale, e dunque dobbiamo e possiamo rilanciare e guardare in avanti». Godelli e Piccirillo ricordano che «in questi giorni sta partendo la campagna di comunicazione per le importanti manifestazioni turistico-sportive che inizieranno sin dal 9 di ottobre, la Gargano Running Week, gara internazionale delle corse in natura che vede fin d’ora migliaia di iscritti da tutta Europa, e il Campionato di Orienteering. Saranno delle occasioni straordinarie per il territorio, e ad esse si uniranno gli effetti di immagine dei film che la Apulia Film Commission ha finanziato e che verranno girati nelle prossime settimane. Il confronto con gli operatori turistici – concludono -ci permetterà di monitorare la situazione e di definire assieme quali ulteriori decisioni assumere per dare continuità alla nostra iniziativa e per rilanciare il turismo anche nei territori maggiormente colpiti dall’emergenza meteo».