The news is by your side.

Alluvione Gargano: procura apre inchiesta per disastro colposo

19

In relazione all’alluvione che ha colpito le zone di Peschici e di San Marco in Lamis, in particolare, e l’intero promontorio del Gargano, la procura della Repubblica del Tribunale di Foggia ha aperto un fascicolo d’iniziativa d’ufficio. E’ notizia di poco prima delle 13 di oggi. L’interesse dei pm, su segnalazione dei carabinieri del comando provinciale di Foggia, fonda sui presunti reati di disastro colposo, omicidio colposo, violazioni alle leggi urbanistiche, omissione di atti d’ufficio. Allo stato non esistono iscritti sul registro degli indagati. La procura nelle prossime ore potrebbe attivare una maxi perizia.
Intanto l’aula di Montecitorio ha commemorato, con un minuto di silenzio, Antonio Facenna e Vincenzo Blenx, le due vittime dell’alluvione che ha drammaticamente colpito il Gargano. È stata la deputata foggiana del Pd Colomba Mongiello a nome del gruppo a ripercorrere quanto accaduto sulla montagna sacra lo scorso fine settimana e chi erano i due garganici ingoiati dal fango e dall’acqua.
Intanto alcune strade sono tuttora chiuse al traffico. Lo comunica l’Anas in una nota in cui precisa che risultano provvisoriamente chiusi al traffico il tratto della strada statale 89 Garganica compreso tra Rodi Garganico e la località Vico del Gargano; il tratto della strada statale 272 «di San Giovanni Rotondo» tra la stazione di San Marco in Lamis e San Marco in Lamis, e il tratto della strada statale 693 «dei Laghi di Lesina e di Varano» all’altezza della località Ischitella.


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright