The news is by your side.

Vico/ Da ottobre si parte con lo scuola-bus

27

Rese note anche le fermate del pulman che può trasportare sino a 54 studenti. C’è il via libera della giunta, i costi saranno a carico delle famiglie in base ai redditi “ISEE”.

 

Dal prossimo primo ottobre via al servizio bus per 54 alunni (tan­ti quanti ne può trasportare il pulmino) dell’istituto comprensivo statale «Manico­ne-Fiorentino». Il servizio re­sterà in vigore fino al termine della stagione scolastica 2014-2015, ovvero fino al 31mag­gìo dell’anno prossimo. Lo ha stabilito la giunta vichese gui­data dal sindaco Michele Se­mentino, deliberando sull’ar­gomento visto l’avvio della sta­gione scolastica. Il servizio di scuolabus è un servizio a do­manda individuale, il cui costo a carico dell’utenza è stato de­terminato per fasce «Isee» (in base cioè ai redditi dei genitori degli studenti) nella delibera­zione di giunta del marzo scor­so. Il servizio si svolgerà inte­ramente nel territorio del Co­mune di Vico (comprese le fra­zioni di San Menaio e Cale­nella) in base al «piano delle fermate» stabilito precedente­mente. Il pulmino osserverà le seguenti fermate per «racco­gliere» gli alunni e portarli a scuola: contrada Chianche li­sce (solo per chi abbia fatto specifica domanda), via Resi­stenza presso la nuova caser­ma dei carabinieri, via Cap­puccini intersezione via Bucci, via Ferri, via dei Caduti, corso Carmine nei pressi della omo­nima chiesa, via Carmine in­tersezione via Giorgio Amen­dola, via. Fania, largo Fuori­porta, via Ricciotto lato de­stro-intersezione con via Salita della Bella, via Gioco delle palle intersezione via del Viscio e via Manicone. Nella zona 167 sono invece tre le fermate pre­viste: in piazza Italia interse­zione via Belgio, in via degli Emigrati e a piazza Giorgio Almirante (nei pressi della sta­tua di Padre Pio). Previste in­fine fermate anche per le due frazioni di San Menaio e località Calenella (a domanda pe­rò e nell’ambito delle dispo­nibilità di bilancio). Ferme restando le domande già presentate nel termine sta­bilito de1 30 giugno scorso, dal municio fanno sapere che «qualora fossero disponibili al­tri posti, la priorità verrà ga­rantita secondo il seguente or­dine: alunni residenti nelle fra­zioni: alunni residenti nelle pe­riferie; ordine di grado sco­lastico a partire dalla scuola dell’infanzia (dai più piccoli ai più grandi)».

Francesco Trotta 


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright