The news is by your side.

“La Grande Guerra in Capitanata” giovedì 13 in un convegno a Foggia

13

L’Associazione Amici del Museo Civico di Foggia, unitamente all’Istituto per la Storia del Risorgimento Italiano, all’Istituto del Nastro Azzurro tra combattenti e decorati al valor militare, al Centro Ricerche di Storia Religiosa di Puglia ed al Centro Ricerca e Documentazione per la Storia di Capitanata ha organizzato: Giovedì   13 – Novembre – 2014  – ore 17,00 Sala Mazza – Museo Civico di Foggia- P.zza V. Nigri, 1: Progetto di studio e ricerca – "La Puglia e la Grande Guerra in Capitanata" Saluti: Anna Paola Giuliani – Assessore alla Cultura del Comune di Foggia

Introduzioni: Carmine de Leo, Presidente Amici Museo Civico Foggia

 Dora Donofrio Del Vecchio, Istituto Storia
Risorgimento Italiano di Bari e Centro Ricerche Storia Religiosa di Puglia

Relatori:     Massimiliano Monaco, Commissario Istituto Storia Risorgimento
Italiano-Com.to di Foggia, "Il dibattito neutralismo-interventismo ed il governo Salandra"

Carmine de Leo, Presidente Amici Museo Civico, "The Foggia Group – La nascita dell’aeronautica americana nella scuola di volo di Foggia"

Giuseppe Clemente, Presidente Centro Ricerca e Documentazione per la Storia di Capitanata, "La grande Guerra in provincia: San Severo"

Conclusioni: Cav. Lorenzo Brunetti, Consigliere Nazionale Istituto del
Nastro Azzurro fra combattenti e decorati al valor militare, Federazione di Foggia

Cento anni dallo scoppio della prima guerra mondiale, un anniversario di spessore per la nostra storia; nell’ambito del progetto di studio e ricerca "La Puglia e la Grande Guerra", un team studiosi e ricercatori, autori di vari volumi sulla storia della Capitanata: Carmine de Leo, Giuseppe Clemente e Massimiliano Monaco saranno impegnati in un convegno sulla "Grande Guerra in Capitanata", primo di una serie di incontri su questo tema promosso da vari sodalizi culturali quali: Amici del Museo Civico di Foggia, i Comitati Provinciali di Foggia e di Bari dell’Istituto per la Storia del Risorgimento Italiano, la Federazione di Foggia dell’Istituto del Nastro Azzurro tra combattenti e decorati al valor militare, il Centro Ricerca e Documentazione per la Storia della Capitanata ed il Centro Ricerche Storia Religiosa di Puglia.

 Lo scopo del progetto di studio e ricerca "La Puglia e la Grande Guerra" è quello di focalizzare, attraverso il ritrovamento di nuove fonti documentarie e l’illustrazione di quelle già a conoscenza, il periodo della prima guerra mondiale, con particolare riferimento alla nostra provincia. I tre relatori del convegno articoleranno i loro interventi in particolare come segue:  Massimiliano Monaco, commissario straordinario del Comitato Provinciale di Foggia dell’istituto per la Storia del Risorgimento, relazionerà sul dibattito neutralismo-interventismo ed il governo Salandra, politico della cittadina di Troia e nostro conterraneo, focalizzando la sua relazione sulle vicende storiche di quegli anni, dalla dichiarazione ufficiale sulla neutralità del 3 agosto 1914 al Patto di Londra del 26 aprile 1915,
stipulato in segreto dall’Italia.

 

Carmine de Leo, presidente degli Amici del Museo Civico, illustrerà la
nascita dell’aereonautica degli Stati Uniti d’America nella scuola di volo
di Foggia Sud, ovvero pressappoco l’attuale aeroporto Gino Lisa, ove negli
anni 1917-1918 ben circa 500 giovani aviatori americani acquisirono il
brevetto di pilota guidati da un singolare personaggio, figlio di un
musicista cerignolano, l’italoamericano maggiore dell’aeronautica Fiorello
La Guardia, che nel 1916 era stato il primo italo-americano a essere eletto
al Congresso degli Stati Uniti e lo sarà per ben cinque mandati consecutivi,
nel 1933 sarà eletto sindaco di New York, carica che manterrà per tre
mandati, fino al 1945.

 

Giuseppe Clemente, presidente del Centro Ricerca e Documentazione per la
Storia della Capitanata parlerà invece della Grande Guerra in provincia, con
riferimento ai numerosi comitati di beneficenza per aiutale le famiglie dei
caduti e per sostenere iniziative patriottiche, specie dopo Caporetto ed
all’inaugurazione , in quel periodo, di un nuovo ospedale in S.Severo per
alleviare le sofferenze di molti feriti, che vi giunsero da tutto il
Mezzogiorno.


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright