The news is by your side.

Gargano/ 21 artisti per la riqualificazione della Masseria Facenna

4

A quasi tre mesi dalla violenta alluvione che colpì il Gargano, proseguono le iniziative di solidarietà per promuovere il sostegno alle popolazioni colpite, per non dimenticare una tragedia che ha travolto moltissime famiglie, attività e strutture e più di tutto, purtroppo, spezzato la vita a due persone. Per sostenere il loro ricordo, parte ‘Una mano per il Gargano’, il progetto creativo per la riqualificazione del Gargano nato da un’idea dei graphic designer Annagina Totaro e Alessandro Pancosta, in collaborazione con l’Associazione Culturale Carpino Folk Festival. Il progetto gode della preziosa partecipazione di un team di 21 artisti che hanno messo il loro talento a disposizione di una giusta causa: ciascuno di loro ha realizzato una illustrazione inedita, ventuno opere originali stampate in tiratura limitata (6 copie ad opera), dalla cui vendita saranno raccolti fondi a favore della riqualificazione della Masseria Facenna di Carpino, uno dei paesi colpiti dall’alluvione che si è abbattuto sul Gargano la prima settimana di settembre.
Marco About, Margherita Barrera, Elenia Beretta, Dalia Del Bue, Matteo Franco, Salvatore Giommaresi, Goran, Nazario Graziano, Ilaria Grimaldi, Hikimi, Il Pistrice, Lucamaleonte, Umberto Mischi, Tiziana Pesenti, Gloria Pizzilli, Jacopo Rosati, Davide Saraceno, Daniele Simonelli, Marco Taddei e Simone Angelini, Fortuna Todisco ed Elena Xausa. Ogni opera è stampata in digitale in formato A3 (29,7 x 42cm) su carta patinata opaca 200 gr. Dal 17 novembre al 31 gennaio sarà possibile aggiudicarsi una stampa mediante una donazione di 30 euro. La gallery delle ventuno opere è online sul sito internet di Una mano per il Gargano, unamanoperilgargano.altervista.org

Sarà l’Associazione Culturale Carpino Folk Festival a provvedere alla riqualificazione della Masseria Facenna, il luogo più caro ad Antonio Facenna, il giovane allevatore di 24 anni morto durante l’alluvione tra il 2 e il 3 settembre mentre faceva ritorno nella sua masseria a Carpino. L’antica costruzione, utilizzata sino ad ora per le varie attività agricole della famiglia Facenna, è stata da poco iscritta all’albo delle masserie didattiche pugliesi: fu il Governatore della Puglia Nichi Vendola lo scorso 12 ottobre ad ufficializzare proprio a Carpino la notizia della nomina a masseria didattica.

Ora, la struttura verrà predisposta ad accogliere ragazzi di scuole medie ed elementari per giornate dedicate alla tradizione casearia del Gargano: si realizza così il sogno di Antonio Facenna, che avrebbe desiderato più cure e attenzioni nei confronti di una terra che ha amato e per la quale ha perso la vita. Per ulteriori informazioni sul progetto e sulle opere, è possibile scrivere all’indirizzo mail unamanoperilgargano@gmail.com


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright