The news is by your side.

Vieste – L’EMOZIONE DELL’ARTE: “LA VOCE DEI PREMIATI” AL’I.I.S.S. “FAZZINI-GIULIANI” [Video]

4

 

Concorso “Critico per un giorno”
Si chiamano sostanzialmente emozioni… La ricerca dell’emozione implica un approccio critico con l’arte in ogni sua svariata e stupefacente forma. Ogni uomo dovrebbe capire che la cultura è un bene comune primario come l’acqua, e i teatri, le biblioteche, i cinema sono come tanti acquedotti.

{flv}filmato concorso Polivalente{/flv}

L’esempio giunge spesso dai giovani, che sono stati l’anima della manifestazione e della premiazione della prima edizione viestana del progetto “Critico per un giorno”, svolto il giorno 29 novembre presso l’auditorium dell’istituto I.I.S.S. “Fazzini-Giuliani”.
Questa iniziativa, indetta dall’associazione “Falso Movimento”, promuove un approccio personale con il mondo del cinema d’autore attraverso la visione di film il cui tema è di carattere globale, al fine di educare la nuova generazione alla riflessione su questioni attuali.
Tutti i lavori premiati sono stati valutati da una giuria di esperti critici cinematografici tra cui Mauro Palma, il quale personalmente ha consegnato, insieme al dirigente Valentino Di Stolfo, una videocamera ai vincitori.
Ogni studente ha dimostrato come l’emozione di un film possa essere interpretata e manifestata in diversi modi.
La 3^A ha creato un video, dopo aver raccolto le citazioni più salienti del film che maggiormente è piaciuto tra quelli proiettati, “Vita di Pi”. Il video, accompagnato da una coinvolgente colonna sonora, ha comunicato le emozioni trasmesse dal film, utilizzando le stesse parole del protagonista, che hanno creato una vera e propria magia. Una delle frasi che ha particolarmente affascinato la platea è stata: “Il mondo è come lo percepiamo, giusto? Nel percepirlo, ci aggiungiamo sempre qualcosa, e la vita diventa una storia”.
“La Diversità imposta dalla storia” è il titolo del video premiato, creato dagli alunni della classe 4^B. Il video, realizzato con il montaggio delle scene più significative dei film, di cui il progetto prevedeva la visione a scuola, ha trattato il tema della diversità in tutte le sue sfaccettature, partendo dalle semplici e ingenue domande di una bambina. Non sono mancati, tuttavia, riferimenti storici e filosofici tesi a demolire i pregiudizi della nostra società che generano tanta sofferenza; è sicuramente stato questo aspetto, insieme all’elaborazione critica, a colpire maggiormente la giuria e il pubblico.
Il cinema può però anche essere la mano che accarezza un pennello o che tiene ben stretta una penna. Infatti sono stati apprezzati per originalità e incanto anche i due componimenti poetici e il disegno ad acquerello degli alunni dell’attuale 4^A, classificatisi al secondo posto.
Puro stupore e meraviglia da parte di tutti al momento della visione degli elaborati e della premiazione. Ogni forma d’arte è una trasmissione di concetti ed emozioni, e gli intermediari della cultura devono arrivare al cuore di chi li osserva: “E’ dell’uomo il fin la meraviglia, chi non sa far stupir vada alla striglia” (Giovan Battista Marino).
I ragazzi partecipanti al concorso.
(nella foto, sa sinistra a destra: Francesco Cionfoli, Sara Calderisi, Felice Vecera, Gianluca Di Vieste, Nicoletta Del Duca, Giulia Ragno, Giuseppina Medina, Chiara Bua, Natalia Pecorelli)
(Fotografa: Alessia Innangi)


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright