The news is by your side.

La nostra provincia nella morsa del gelo

26

L’ondata di freddo gelido proveniente dalla Russia ha raggiunto anche la Capitanata, stretta nella morsa del gelo. In numerosi comuni della provincia, infatti, tra ieri e oggi, ha fatto capolino la neve, imbiancando i centri più alti dei Monti Dauni, come Faeto e Alberona, o del Gargano, come Monte Sant’Angelo. Anche Foggia si è svegliata sotto una morbida coltre di neve, pochi centimetri che non stanno causando grossi problemi alla circolazione. Nevischio anche lungo la statale 17, nel tratto Lucera-Campobasso e lungo la provinciale che collega Vieste a Monte Sant’Angelo. Disagi anche sulla provinciale Anzano – Monteleone di Puglia e sulla Castelluccio Valmaggiore-Faeto.

La Capitanata, dunque, si trova nel pieno delle 72 ore di freddo intenso previste per l’arrivo di venti artici che faranno precipitare le temperature su tutta la Puglia: la colonnina del mercurio, infatti, stando alle previsioni del servizio meteorologico dell’Aeronautica militare precipiterà di alcuni gradi sotto lo zero nel pomeriggio.

Anche il Dipartimento di Protezione Civile aveva emesso, per la provincia di Foggia, un avviso di condizioni meteorologiche avverse, ovvero “precipitazioni, a prevalente carattere nevoso, su Puglia settentrionale con ‘quota neve’ inizialmente al di sopra dei 300-500 metri, in successivo abbassamento fino al livello del mare e con accumuli al suolo moderati o localmente abbondanti”.


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright