The news is by your side.

Dimensionamento scolastico/ Gatta: “scelte contraddittorie e confuse, la giunta chiarisca”

8

"Il Piano di dimensionamento scolastico, predisposto dalla Giunta regionale, comincia a svelarsi nelle sue molteplici contraddizioni, penalizzando, senza alcun criterio oggettivo, alcune realtà scolastiche e privilegiandone altre. Chiedo spiegazioni in merito soprattutto per i plessi di Vico del Gargano e Vieste, dove  la Regione ha operato scelte diametralmente opposte rispetto a quanto stabilito in precedenza, privando dell’autonomia scolastica edifici dove il numero degli studenti non è mutato". Lo dichiara il Consigliere regionale di Forza Italia, Giandiego Gatta, che ha depositato un’interrogazione consiliare a riguardo. "Per la scuola media "Dante Alighieri-Spalatro" di Vieste aggiunge il Consigliere-  è stata (giustamente) conservata l’autonomia scolastica, con una popolazione di circa 430 alunni. Altrettanto non può dirsi  per  l’IISS " Fazzini- Giuliani" di Vieste con 414 alunni.  Inoltre, nel Piano di dimensionamento per l’anno scolastico 2014/2015, il Comune di Carpino  aveva chiesto la verticalizzazione della scuola del primo e secondo ciclo (infanzia – elementare – media inferiore e media superiore) e l’Amministrazione Regionale aveva dato parere negativo, confermando il precedente  assetto, in quanto l’eventuale verticalizzazione avrebbe determinato il sottodimensionamento  per il  liceo "Virgilio" di Vico del Gargano; quest’anno, pur restando invariato il numero della popolazione scolastica, la stessa Regione ha concesso tale verticalizzazione, facendo perdere l’autonomia scolastica al " Virgilio" di Vico del Gargano. Ed ancora: nel Piano di dimensionamento per l’anno scolastico 2014/2015, il Comune di Peschici aveva chiesto la verticalizzazione della scuola del primo e secondo ciclo e l’Amministrazione Regionale aveva dato parere negativo, confermando il precedente assetto, in quanto l’istituto comprensivo "Libetta" di Peschici aveva 503 alunni e quindi poteva beneficiare della deroga prevista per i comuni. Ma anche qui, la Regione fa una capriola pur restando invariato il numero della popolazione scolastica e  concede, nel piano di dimensionamento 2015/2016, la verticalizzazione, facendo perdere l’autonomia scolastica al " Fazzini- Giuliani" di Vieste. Appare evidente la mancanza di una bussola, con scelte compiute e ribaltate dopo poco, senza alcuna ragione. Per questo -conclude Gatta- chiedo lumi alla Giunta regionale, nella speranza di ricevere risposte
precise su scelte molto particolari e contraddittorie adottate dalla Regione".


error: Il contenuto di questo sito è protetto dal Copyright